sabato 10 dicembre | 19:37
pubblicato il 01/lug/2014 17:56

Dl crescita: Rete Imprese, apprezzabile ma non resti impegno isolato

(ASCA) - Roma, 1 lug 2014 - ''Il decreto legge 91/2014 e' apprezzabile per l'obiettivo di alleggerire gli oneri a carico delle imprese e sostenere la competitivita' del nostro sistema produttivo, ma non deve rimanere un impegno isolato rispetto ad un programma strategico complessivo di rilancio dello sviluppo. il Governo deve utilizzare il semestre di Presidenza italiana dell'Ue per concepire un disegno compiuto di politica economica a sostegno dell'impresa diffusa''. Cosi' Rete Imprese Italia ha giudicato il decreto legge competitivita' nel corso di un'audizione svoltasi oggi presso le Commissioni riunite X e XIII del Senato. Nel dettaglio delle misure del decreto legge, Rete Imprese Italia valuta positivamente gli interventi per abbassare il costo delle bollette elettriche delle imprese. La riduzione della soglia di accesso al beneficio dagli iniziali 55kW agli attuali 16,5 kW permette infatti di estendere gli ''sconti' in bolletta ad altre 400.000 imprese di cui l'80% appartengono ai settori manifatturieri e del commercio. Altrettanto positivo il giudizio sulla volonta' di semplificare ulteriormente il Sistri, il Sistema telematico di tracciabilita' dei rifiuti. Ma Rete Imprese Italia auspica il definitivo superamento del Sistema che in questi 5 anni ha dimostrato di non funzionare. E, piu' in generale, in materia ambientale, i rappresentanti delle imprese dell'artigianato e del terziario di mercato lamentano l'assenza nel Decreto legge di misure di semplificazione dei complessi ed onerosi adempimenti burocratici a carico degli imprenditori. Sul fronte degli interventi per il sostegno dell'agroalimentare made in Italy, Rete Imprese Italia ritiene indispensabile estendere la misura del credito d'imposta prevista per i produttori a tutta la filiera, includendo quindi anche le imprese della distribuzione.

Ancora per quanto riguarda il settore agricolo, viene sollecitata l'estensione delle semplificazioni del sistema dei controlli a tutte le imprese che operano nel comparto.

A questo proposito, Rete Imprese Italia fa rilevare che il costo sopportato dagli imprenditori per la mole e la complessita' dei controlli nel settore alimentare incide fino al 10% sul costo finale del prodotto. Inoltre, Rete Imprese Italia fa rilevare che la misura del credito d'imposta per investimenti in nuovi beni strumentali, oltre ad escludere gli investimenti inferiori a 10.000 euro effettuati da molte imprese, e' rivolto soprattutto a quelle manifatturiere. Pertanto vengono sollecitate ulteriori e specifiche misure per le imprese dell'artigianato, del commercio, del turismo e dei servizi.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina