mercoledì 22 febbraio | 17:31
pubblicato il 06/apr/2016 18:14

Dl banche è legge, ok a garanzia Stato sofferenze e riforma Bcc

Le misure con le modifiche della Camera: da way out a anatocismo

Dl banche è legge, ok a garanzia Stato sofferenze e riforma Bcc

Roma, 6 apr. (askanews) - Il decreto banche diventa legge. Il Senato, con un voto di fiducia, ha approvato in via definitiva il provvedimento che contiene la riforma del credito cooperativo e la garanzia statale sui crediti in sofferenza degli istituti, il cosiddetto Gacs, su cui il mercato già mostra i "primi segnali incoraggianti", ha affermato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan. L'ok è arrivato con 171 sì, 105 no e 1 astenuto. A favore si sono espressi Pd, Ap, verdiniani, gruppo per le autonomie e parte di Gal. Contro: M5s, Cor, Lega, Sel e Fi.

Il decreto scadeva il 15 aprile ma l'esecutivo ha stretto i tempi arrivando al traguardo della conversione in legge dieci giorni prima della scadenza. D'altronde, il provvedimento è stato modificato solo alla Camera dove già si era capita l'intenzione del governo di non far toccare palla al Senato, tanto che senatori sia di maggioranza che di opposizione avevano protestato, senza successo; mentre, ai vertici di Montecitorio sul provvedimento, con il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, era stato invitato qualche senatore di maggioranza.

L'urgenza delle misure è stata rivendicata dal viceministro all'Economia, Enrico Morando, il quale, in sede di replica in Senato, ha ricordato la "lunga" gestazione, compresa la trattativa con l'Europa. Nel merito, Morando ha sostenuto che alleggerendo le banche dai crediti in sofferenza si "riduce il credit crunch" e si "rilancia l'economia". Quanto alla riforma delle Bcc, il viceministro si è detto convinto che la strada maestra sarà quella della "più ampia aggregazione" in uno o più gruppi bancari cooperativi perché l'eventuale via d'uscita potrà riguardare "poche" di loro. A Montecitorio è stata anche approvata la norma Salva-Raiffeisen: le Bcc della provincia di Bolzano potranno costituire un gruppo autonomo.

Sulla riforma delle Bcc ha espresso soddisfazione Federcasse secondo cui il decreto rispecchia quasi del tutto l'autoriforma proposta dal sistema delle banche di credito cooperativo e apre "una nuova fase per il sistema della cooperazione mutualistica di credito".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe