lunedì 05 dicembre | 01:26
pubblicato il 01/lug/2016 18:55

Direttori personale, cosa chiedono le aziende ai neolaureati

Citterio (GIDP): ecco perché i giovani lasciano le imprese

Direttori personale, cosa chiedono le aziende ai neolaureati

Milano (askanews) - Perché i giovani neolaureati lasciano le aziende? "Non è per soldi - risponde Paolo Citterio, presidente del Gruppo Intersettoriale dei Direttori del Personale - ma per il luogo di lavoro scomodo o per carenza di formazione, perchè i giovani sanno che la formazione è essenziale". E' questa la novità della tredicesima ricerca di GIDP sull'Università e il mercato del lavoro presentata in Assolombarda. "Quest'anno - dice Citterio - non abbiamo sentito solo le aziende per sapere che cosa chiedono ai giovani laureati: conoscenza del mercato, problem solving, decision making, lingue ed Erasmus. Abbiamo anche chiesto ai giovani neolaureati come vivono il primo rapporto con le aziende e quali sono i motivi che li spingono a lasciare il lavoro. Dal punto di vista più generale, il mercato del lavoro è in leggera ripresa, anche se i giovani continuano ad entrare in azienda attraverso gli stage, i contratti a tempo determinato, gli apprendistati professionalizzanti e solo in alcuni casi attraverso il contratto a tutele crescenti".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari