lunedì 05 dicembre | 17:52
pubblicato il 27/ott/2015 11:51

Dieselgate, maggioranza governi Ue contro stretta a emissioni auto

Domani proposta Commissione a Comitato tecnico Ue

Dieselgate, maggioranza governi Ue contro stretta a emissioni auto

Strasburgo, 27 ott. (askanews) - La maggioranza dei governi dei paesi Ue, Italia inclusa, è contraria al giro di vite proposto dalla Commissione europea per assicurare il rispetto dei limiti delle emissioni di ossidi d'azoto (NOx) dai veicoli a motore, anche in risposta allo scandalo Volkswagen. La proposta di Bruxelles imporrebbe, a partire dal settembre 2017, di effettuare i controlli di conformità dei veicoli non più in base a test di laboratorio ma in condizioni di guida reali. Secondo la proposta, per dare all'industria il tempo di adattarsi, vi sarebbe comunque una tolleranza di due anni per "sforamenti" non superiori al 60% dei valori massimi previsti dalla norma Euro 6 (80 mg per km), che sarebbe applicata pienamente solo a partire dal settembre 2019.

A quanto risulta dalle risposte preliminari che l'Esecutivo comunitario doveva ricevere dagli Stati membri entro il 16 ottobre, solo l'Olanda e i paesi scandinavi appoggiano la proposta della Commissione, mentre la Francia ha una posizione "possibilista"; quasi tutti gli altri paesi membri chiedono o più tempo o maggiore tolleranza nel periodo intermedio - con un "fattore di conformità" più alto dell'1,6 proposto dalla Commissione (l'Italia vorrebbe un fattore 2, altri addirittura il 3) - o tutte e due le cose insieme. La Germania sembra contraria a tutto, anche se lascia che siano gli altri governi a scontrarsi con la Commissione.

Dopo gli interventi e le apparenti aperture dei ministri dell'Ambiente di diversi paesi membri al Consiglio Ue svoltosi oggi a Lussemburgo, la commissaria europea al Mercato interno Elzbieta Bienkowska è apparsa stasera ottimista sulla possibilità di arrivare a un compromesso, che ha definito "vicino"; tuttavia, sembra piuttosto difficile che l'Esecutivo Ue possa far passare la sua proposta al comitato tecnico che voterà la proposta mercoledì 28 ottobre a Bruxelles. Appare più probabile che il giro di vite prospettato dalla Commissione sia invece bloccato da una maggioranza qualificata contraria di Stati membri (Italia compresa), nonostante le reazioni indignate delle loro opinioni pubbliche allo scandalo Volkswagen.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari