lunedì 23 gennaio | 20:28
pubblicato il 27/ott/2015 11:51

Dieselgate, maggioranza governi Ue contro stretta a emissioni auto

Domani proposta Commissione a Comitato tecnico Ue

Dieselgate, maggioranza governi Ue contro stretta a emissioni auto

Strasburgo, 27 ott. (askanews) - La maggioranza dei governi dei paesi Ue, Italia inclusa, è contraria al giro di vite proposto dalla Commissione europea per assicurare il rispetto dei limiti delle emissioni di ossidi d'azoto (NOx) dai veicoli a motore, anche in risposta allo scandalo Volkswagen. La proposta di Bruxelles imporrebbe, a partire dal settembre 2017, di effettuare i controlli di conformità dei veicoli non più in base a test di laboratorio ma in condizioni di guida reali. Secondo la proposta, per dare all'industria il tempo di adattarsi, vi sarebbe comunque una tolleranza di due anni per "sforamenti" non superiori al 60% dei valori massimi previsti dalla norma Euro 6 (80 mg per km), che sarebbe applicata pienamente solo a partire dal settembre 2019.

A quanto risulta dalle risposte preliminari che l'Esecutivo comunitario doveva ricevere dagli Stati membri entro il 16 ottobre, solo l'Olanda e i paesi scandinavi appoggiano la proposta della Commissione, mentre la Francia ha una posizione "possibilista"; quasi tutti gli altri paesi membri chiedono o più tempo o maggiore tolleranza nel periodo intermedio - con un "fattore di conformità" più alto dell'1,6 proposto dalla Commissione (l'Italia vorrebbe un fattore 2, altri addirittura il 3) - o tutte e due le cose insieme. La Germania sembra contraria a tutto, anche se lascia che siano gli altri governi a scontrarsi con la Commissione.

Dopo gli interventi e le apparenti aperture dei ministri dell'Ambiente di diversi paesi membri al Consiglio Ue svoltosi oggi a Lussemburgo, la commissaria europea al Mercato interno Elzbieta Bienkowska è apparsa stasera ottimista sulla possibilità di arrivare a un compromesso, che ha definito "vicino"; tuttavia, sembra piuttosto difficile che l'Esecutivo Ue possa far passare la sua proposta al comitato tecnico che voterà la proposta mercoledì 28 ottobre a Bruxelles. Appare più probabile che il giro di vite prospettato dalla Commissione sia invece bloccato da una maggioranza qualificata contraria di Stati membri (Italia compresa), nonostante le reazioni indignate delle loro opinioni pubbliche allo scandalo Volkswagen.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4