sabato 25 febbraio | 19:12
pubblicato il 29/ott/2015 14:42

Deutsche Bank taglia 9.000 posti nel mondo, su Italia non fa cifre

Fisac-Cgil: Penisola sempre in utile, blindata fino a fine 2016

Deutsche Bank taglia 9.000 posti nel mondo, su Italia non fa cifre

Roma, 29 ott. (askanews) - Al momento non risultano cifre specifiche sull'Italia in merito ai tagli occupazionali annunciati da Deutsche Bank a livello globale, circa 9.000 unità di cui poco meno della metà, 4 mila, dovrebbero riguardare la Germania. Nella strategia 2020 delineata oggi, il gruppo non ha fornito dati Paese per Paese su possibili riduzioni, mentre ha annunciato l'uscita da 10 mercati tra cui non compare la Penisola. Anzi, la banca tedesca ha appena ribadito che l'Italia è e resta "un mercato chiave", il suo secondo maggiore in Europa dopo la madre patria.

In Italia Deutsche Bank occupa 4.000 addetti. Interpellato sulla questione da Askanews, il coordinatore su Deustche Bank di Fisac Cgil, Claudio Cornelli, spiega che al momento la controparte aziendale non ha avanzato richieste o fornito dati. E in ogni caso l'Italia "è sempre stata la gallina dalle uova d'oro" per Deustche Bank, perché la divisione tricolore del gruppo "ha sempre chiuso bilanci molto positivi, con utili tutti gli anni, anche dopo la crisi del 2008, per quanto con un ridimensionamento".

Peraltro in Italia è attualmente in vigore un accordo sindacale che prevede che fino alla fine del 2016 non possano essere avviate riorganizzazioni: in pratica l'attuale perimetro occupazionale è blindato fino a inizio 2017.

A metà novembre comunque a Francoforte si svolgerà il comitato aziendale europeo, che, ha spiegato il sindacalista, era previsto a settembre ma che è stato rinviato proprio per avere una informativa complessiva alla luce della nuova strategia. E a quel punto forse si potrà sapere qualcosa in più e di più preciso su eventuali ricadute per l'Italia.

Interpellati sulla questione, dal quartier generale della banca in Germania si sono limitati a ribadire che al momento non vi sono dati specifici Paese per Paese. Nell'annunciare l'uscita da dieci nazioni - Argentina, Cile, Messico, Peru, Uruguay, Danimarca, Finlandia, Norvegia, Malta e Nuova Zelanda - Deutsche Bank ha comunque precisato che conta di rafforzare la sua presenza in Europa puntando su sinergie tra Private Banking e gestione patrimoni.

Ieri aveva appunto chiarito che l'Italia rimane un mercato chiave e che qualsiasi rumor di un presunto ritiro "è totalmente infondato". Nella Penisola conta tutte le attività presenti in Germania: asset management, retail banking, corporate finance, investment e transaction banking, con oltre 3 milioni di clienti, 4 mila dipendenti, 1.500 promotori finanziari 627 punti vendita di cui: 337 sportelli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech