mercoledì 22 febbraio | 03:01
pubblicato il 27/mag/2014 15:23

Deutsche Bank: accordo con il Fei per fondi a Pmi, plafond 40 mln

(ASCA) - Roma, 27 mag 2014 - Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) e Deutsche Bank Italia hanno firmato un accordo per l'erogazione di finanziamenti alle piccole e medie imprese e alle small mid caps orientate all'innovazione. Tale progetto rientra tra le dinamiche finanziate dalla Commissione Europea, nell'ambito dell'iniziativa denominata Risk Sharing Instrument (RSI).

In questo contesto, Deutsche Bank mette a disposizione delle aziende innovative presenti in Italia un plafond di 40 milioni di euro, da erogarsi entro il 31 dicembre 2015, garantito al 50% da FEI. Si tratta del settimo accordo di questo tipo firmato in Italia e del ventisettesimo in Europa, che porta ad oltre 2 miliardi di euro l'ammontare dei prestiti messi a disposizione delle aziende innovative all'interno dell'Unione Europea. ''Siamo soddisfatti e onorati di essere partner di FEI nella realizzazione di un progetto cosi' meritevole a favore delle piccole e medie imprese italiane - ha commentato Flavio Valeri, Chief Country Officer di Deutsche Bank per Italia - Questo accordo e' la concreta testimonianza del forte e radicato impegno dell'istituto nel volere sostenere e contribuire allo sviluppo del tessuto imprenditorialde del Paese, con particolare attenzione a quelle realta' che si distinguono per innovazione, dinamicita' e vitalita'''.

Alessandro Tappi, Director Guarantees, Securitisation e Microfinance di FEI, ha aggiunto: ''Siamo lieti di aver siglato con Deutsche Bank in Italia l'accordo di Risk Sharing Instrument (RSI), che rientra nel programma DG Research e FP7 Innovation a supporto delle piccole e medie imprese. Grazie a questo accordo, le aziende italiane potranno contare su un maggiore accesso al credito''. L'obiettivo del programma RSI e' incoraggiare le banche, attraverso il sostegno finanziario dell'Unione Europea, a erogare prestiti alle PMI e alle small mid caps con meno di 500 dipendenti che necessitano di finanziamenti per supportare la ricerca, lo sviluppo e le attivita' innovative.

Le banche vengono selezionate da FEI, in tutta Europa, attraverso un processo di due diligence che fa seguito alla formale manifestazione di interesse da parte dell'intermediario ad aderire all'iniziativa.

Il bando e' aperto agli istituti di credito e di finanziamento, basati e operativi nell'Unione Europea e/o nei Paesi associati al FP7, che includono Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera, Israele, Turchia, la ex Repubblica Yugoslavia di Macedonia, Serbia, Albania, Montenegro, Bosnia Erzegovina, le Isole Faroe e la Moldavia.

com-ram/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia