lunedì 27 febbraio | 08:00
pubblicato il 09/apr/2014 17:42

Def: ok di Confindustria, ''salutare accelerazione riformatrice''

(ASCA) - Roma, 9 apr 2014 - ''Il Documento di Economia e Finanza approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, in base alle informazioni al momento in nostro possesso, traccia una salutare accelerazione riformatrice per il paese, a partire dal riassetto istituzionale, coerente con gli indirizzi annunciati dal Governo al momento del suo insediamento''. Questo il commento di Confindustria all'approvazione del Def da parte del CdM. ''L'attuazione - per gli industriali - sara' ora il banco di prova fondamentale e richiedera' un impegno deciso del Governo affinche' le misure programmate non finiscano nel limbo degli annunci e possano dare vita ad un progetto di sviluppo e di cambiamento realmente strutturale''. Per la confederazione ''andranno inoltre rafforzate le misure per la competitivita' delle imprese. Confindustria ritiene, infatti, un passo troppo timido la riduzione dell'Irap pari al 10% annuo a regime, e dunque ad un importo minore nel 2014. Non puo' che essere un primo segnale, cui dovra' necessariamente seguire una riduzione strutturale e sostanziale del costo del lavoro pagato dalle imprese, vero nodo da sciogliere per favorire la ripresa. Resta, inoltre, il timore che l'aumento della tassazione sulle rendite finanziare a copertura del taglio dell'Irap possa penalizzare l'accesso delle imprese a canali di finanziamento alternativi a quello bancario, in una fase di persistente contrazione del credito''. E proprio per riattivare la liquidita' - per la confederazione degli industriali -, ''sara' decisivo il capitolo dei pagamenti dei debiti PA. Va al piu' presto completata l'operazione di smaltimento dell'arretrato e posti paletti affinche' non si ripetano mai piu' simili situazioni. Su questo punto e' degno di nota l'impegno del Governo ad impiegare ulteriori 13 miliardi, che andrebbero ad aggiungersi ai 47 gia' stanziati, e a definire meccanismi per assicurare che i debiti delle imprese siano pagati integralmente. Occorrera' pero' verificare se le misure allo studio siano sufficienti''. Confindustria ''valuta positivamente l'attenzione dedicata al Fondo di Garanzia per le pmi, alla nuova Sabatini, allo sviluppo di strumenti finanziari alternativi al credito e la proposta di promuovere la patrimonializzazione delle imprese in particolare rifinanziando l'ACE. Bene anche la flessibilita' sull'utilizzo dei Fondi strutturali a sostegno degli investimenti''. Per gli industriali ''non sembra, invece, esserci un analogo impegno nel settore degli investimenti pubblici in infrastrutture in cui non si registrano sostanziali segnali di inversione di tendenza rispetto alla notevole riduzione delle risorse verificatasi negli scorsi anni . Anche nel settore dello sviluppo sostenibile le misure previste non appaiono coerenti con gli obiettivi di efficienza energetica e di crescita della green economy previsti dai target europei per il 2020''. Infine, ''e' positivo l'impegno del Governo a rendere la spending review un esercizio permanente, in grado di portare a una riduzione strutturale della spesa pubblica, attraverso un miglioramento dei processi e delle organizzazioni delle PA''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech