domenica 04 dicembre | 14:03
pubblicato il 18/set/2013 19:18

Def: in nota aggiornamento stima deficit/Pil al 3-3,1%

(ASCA) - Roma, 18 set - Potrebbe essere fissato nella nota di aggiornamento al Def al 3-3,1% il rapporto deficit/Pil per il 2013. E' quanto fanno presente fonti di governo, precisando comunque che le variazioni al deficit sono ''minime e gestibili'' e che non ci sara' quindi bisogno di una manovra correttiva. Il rapporto deficit/Pil, secondo fonti della Ragioneria, sarebbe in realta' ben oltre il 3%, ossia la soglia di sicurezza prevista dalle regole europee. Per questo, l'Esecutivo avrebbe deciso di non rinviare l'aumento dell'Iva dal 21 al 22% previsto a partire dal 1 ottobre, a meno che non si intervenga nuovamente sull'Imu, ampliando la platea dei contribuenti. Oggi, anche a seguito della visita in Italia del commissario europeo Olli Rehn, le priorita' del governo sono due: mantenere il rapporto deficit-Pil entro il 3% e allo stesso tempo trovare le risorse per un taglio delle tasse sul lavoro. red/vam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari