venerdì 09 dicembre | 15:14
pubblicato il 08/feb/2016 16:39

Debito pubblico, studio Bce: strada per ridurlo è tagliando spesa

Composizione risanamento influenza efficacia e durata risultati

Debito pubblico, studio Bce: strada per ridurlo è tagliando spesa

Roma, 8 feb. (askanews) - "Il risanamento dei bilanci pubblici può essere controproducente"? A porsi la domanda è uno studio della Banca Centrale Europea, appena pubblicato, che prende spunto dall'iniziale insuccesso di molti Paesi dell'area euro nel fare scendere il loro rapporto debito/Pil con le misure correttive adottate dopo l'inizio dela crisi del debito sovrano innescatasi all'inizio del 2010. La risposta è che la composizione delle manovre correttive è cruciale: manovre correttive fondate su tagli alla spesa hanno effetti più duraturi e portano più rapidamente a una dinamica di riduzione del debito.

Il Working Paper, che ha per autori gli economisti italiani Maria Grazia Attinasi, della Bce, e Luca Metelli della Banca d'Italia, applica una metodologia di Valore a Rischio (Var) per un campione di Paesi dell'eurozona per valutare il ruolo della composizione delle manovre di risanamento sulla dinamica dei debiti pubblici.

"Il risultato principale della nostra analisi - spiegano i due economisti - è che dopo un episodio di consolidamento fiscale, inizialmente il rapporto debito/Pil aumenta, per un periodo di tempo fino a quattro trimestri, e poi inizia a calare. La misura e la lunghezza dell'incremento iniziale del debito dipende dalla composizione del consolidamento. Nel caso di manovre basate sulle entrate (cioè di aumenti delle tasse, ndr) l'incremento dei rapporti debito/Pil tende a essere più ampio e a durare più a lungo che nel caso di risanamenti fiscali basati sulla spesa".

Secondo gli autori, il vantaggio di manovre basato su tagli alla spesa è anche di un secondo ordine: "La composizione (della manovra, ndr) conta anche per gli effetti a lungo termine dei consolidamenti fiscali. Le manovre basate sulla spesa tendono a generare una riduzione durevole del rapporto debito/Pil rispetto al periodo precedente allo shock fiscale, laddove manovre basate sulle entrate non producono alcun miglioramento durevole nelle prospettive di sostenibilità, con il rapporto debito/Pil che tende a tornare ai livelli precedenti allo shock fiscale".

Le conclusioni della ricerca, sottolineano Attinasi e Metelli, "assumono un particolare rilievo nel contesto dell'attuale dibattito sui meriti del consolidamento fiscale come il principale strumento per ristabilire la sostenibilità del debito nei paesi dell'area Euro. E suggeriscono che le operazioni di consolidamento finanziario a breve termine, collegate all'impatto negativo dello stesso consolidamento sulla crescita e sul rapporto debito/Pil, devono essere soppesate confrontandole con i benefici a lungo termine di un rimbalzo della crescita della produzione e di una durevole riduzione del rapporto debito/Pil". Una strategia che "avrà maggiori probabilità di successo quando il risamento finanziario si fonda su una durevole riduzione della spesa pubblica, laddove i consolidamenti basati sulle entrate non sembrano portare un miglioramento durevole della sostenibilità".

Anche la tempestività della correzione dei conti pubblici ha la sua importanza. "Ritardare il consolidamento fiscale fino a quando la pressione dei mercati minaccia la capacità di un Paese di emettere debito - è la conclusione dello studio - potrebbe avere un costo in termini di una riduzione minore del rapporto debito/Pil a parità di sforzo di risanamento, anche se si è operato dal lato della spesa".

Si tratta - concludono i due economisti - di una lezione importante di politica anche considerando il fatto che i risanamenti basati sulle entrate tendono a essere la forma preferita di austerità, almeno nel breve periodo, dati anche i costi politici che una durevole riduzione della spesa pubblica comporta".

Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina