lunedì 27 febbraio | 06:05
pubblicato il 14/mar/2014 10:54

Debito pubbblico: Bankitalia, a gennaio sale a 2.089,4 miliardi (1 upd)

Debito pubbblico: Bankitalia, a gennaio sale a 2.089,4 miliardi (ASCA) - Roma, 14 mar 2014 - Nel mese di gennaio riprende la salita del debito pubblico che raggiunge 2.089,4 miliardi di euro dai 2.068,9 miliardi del mese di dicembre 2013. A gennaio del 2013, il debito pubblico era pari a 2.023,5 miliardi.Sono i numeri del Supplemento al Bollettino statistico ''Finanza pubblica, fabbisogno e debito'' di Bankitalia. A dicembre 2013 il debito pubblico era sceso dal massimo storico di 2.104 miliardi toccato a novembre, un calo in linea con la stagionalita' tipica dell'ultimo mese dell'anno favorita dagli anticipi e dai saldi delle imposte.

L'aumento del debito pubblico a gennaio di 20,5 miliardi, a 2.089,5 miliardi e' dovuto essenzialmente all'aumento (20,3 miliardi) delle disponibilita' liquide del Tesoro, pari a fine gennaio a 57,9 miliardi (68,1 a gennaio del 2013). Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali e' aumentato di 18,9 miliardi, quello delle Amministrazioni locali e' aumentato di 1,5 miliardi e quello degli Enti di previdenza e' rimasto sostanzialmente invariato.

men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech