domenica 04 dicembre | 17:30
pubblicato il 20/set/2014 12:03

Debiti Pa: Cgia, ancora da pagare 35 mld alle imprese

(ASCA) - Roma, 20 set 2014 - La pubblica amministrazione italiana deve ancora pagare alle imprese 35 miliardi di euro.

La stima e' della Cgia di Mestre, che peraltro avverte come questa ''cifra imponente'' potrebbe anche aumentare, a causa del perdurare di ritardi con la Pa paga i fornitori.

''Nonostante gli sforzi fatti dagli ultimi esecutivi siano stati encomiabili, lo Stato italiano rimane il peggiore pagatore d'Europa'', ha affermato il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, citato in un comunicato.

Sebbene esista una direttiva europea che impone pagamenti in 30 giorni, salvo alcune limitate eccezioni a 60 giorni ''nel 2014, secondo Intrum Justitia, la media in Italia e' di 165 giorni - ha proseguito Bortolussi -. Se in questo ambito anche le Pubbliche amministrazioni di Grecia, Cipro, Serbia e Bosnia sono piu' efficienti della nostra, vuol dire che il lavoro da fare e' ancora molto''.

La scorsa primavera il presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva annunciato, nella trasmissione di ''Porta a Porta'' che entro il 21 settembre (giorno di San Matteo) la Pubblica amministrazione avrebbe pagato tutti i debiti contratti con le imprese. Purtroppo, dice la Cgia, la promessa non e' stata mantenuta.

La Cgia cita i dati forniti dal Ministero dell'Economia: nel biennio 2013-2014 sono stati messi a disposizione 56,8 miliardi di euro sul pagamento dei debiti pregressi, entro il 21 luglio 2014 (ultimo aggiornamento disponibile) ne sono stati pagati 26,1.

In buona sostanza, l'incidenza dei pagamenti effettuati sul totale delle risorse stanziate si ferma al 46 per cento.

Per estinguere completamente le risorse a disposizione le aziende devono ricevere ancora 30,7 miliardi di euro.

Stando alle dichiarazioni rilasciate qualche giorno fa dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, dopo il 21 luglio sarebbero stati pagati altri 5-6 miliardi di euro.

Pertanto, secondo l'associazione la cifra totale erogata sino ad oggi dovrebbe attestarsi attorno ai 31-32 miliardi di euro, pari al 56 per cento circa del totale stanziato. In termini assoluti alle imprese rimarrebbero da saldare altri 24-25 miliardi di euro.

E al di la' del mancato pagamento di tutte le risorse messe a disposizione, resta anche da chiarire a quanto ammonti effettivamente lo stock di debito accumulato dalla Pa nei confronti delle imprese. Purtroppo, attualmente non si dispone di dati ufficiali. Chi ha cercato di stimarne l'importo e' la Banca d'Italia, che nella ''Relazione annuale 2013'', presentata a Roma il 30 maggio scorso, indicava che a fine 2013 i debiti commerciali della Pa ammonterebbero a poco piu' di 75 miliardi.

Una cifra che peraltro secondo la Cgia e' molto sottostimata.

Comunque se dallo stock dimensionato dalla Banca d'Italia tolgono 8,4 miliardi di euro che sono stati ceduti a intermediari finanziari con la clausola del pro soluto, lo stock di debito nei confronti delle imprese ammonterebbe a poco piu' di 66,5 miliardi di euro.

''Se sino ad oggi dovrebbero essere stati pagati circa 31-32 miliardi di euro - ha concluso Bortolussi - per azzerare complessivamente il debito accumulato con le aziende, la Pa deve pagare, in linea di massima, ancora 35 miliardi di euro''. Una cifra imponente che nel frattempo potrebbe aumentare ulteriormente a seguito del perdurare dei ritardi con cui la nostra Pa continua a pagare i fornitori.

eco/tmn/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari