lunedì 27 febbraio | 12:31
pubblicato il 22/set/2014 12:14

De Albertis (Ance): misure governo non bastano e non convincono

Milano, Brianza, Lodi, persi 60mila occupati in sei anni (ASCA) - Milano, 22 set 2014 - Nel settore dell'edilizia in provincia di Milano, di Lodi e in Brianza c'e' una situazione di "emergenza"; dal settembre 2008 ad oggi e' stata persa il 30 per cento della capacita' produttiva sia in termini di imprese sia di lavoratori, sono scomparse 3.500 imprese edili e usciti dal settore 60mila occupati. Lo ha detto il presidente di Assimpredil Ance Claudio De Albertis aprendo i lavori dell'Assemblea annuale dell'Associazione, che raggruppa le imprese di costruzione delle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza. Per De Albertis, "su un punto si puo' essere tutti concordi: se non riparte il settore delle costruzioni non riparte il Paese. Gli interventi tattici messi in campo dal governo e le misure assunte non bastano e non ci convincono".

Mda

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech