martedì 21 febbraio | 13:12
pubblicato il 03/apr/2014 17:55

Ddl suolo: Ance e architetti, si rischia blocco opere utili

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - Ance e Architetti, da sempre promotori di politiche a tutela del territorio e contro l'abusivismo, condividono pienamente l'allarme dell'Anci sulla proposta di legge del Governo per la salvaguardia del territorio. La riqualificazione e' il futuro delle nostre citta' sotto il profilo energetico, ambientale ed economico.

E' il commento dell'Associazione dei costruttori e del Consiglio nazionale degli Architetti in merito alle dichiarazioni del delegato Anci all'Urbanistica, Andrea Ferrazzi, sul disegno di legge del Governo sul consumo del suolo attualmente all'esame della Camera.

''Si tratta di un provvedimento condivisibile negli obiettivi ma non nei metodi utilizzati per raggiungerli'' dichiara il presidente dell'Ance, Paolo Buzzetti, ''che rischiano di bloccare opere utili e importanti investimenti economici necessari per la modernizzazione e riqualificazione delle aree urbane''. ''Per ottenere la riduzione del consumo di suolo - commenta Leopoldo Freyrie Presidente del Consiglio Nazionale Architetti PPC - bisogna passare necessariamente dal RIUSO delle aree urbanizzate: in assenza di norme che promuovano effettivamente la rigenerazione urbana sara' impossibile rispondere alle esigenze abitative e sociali e si blocchera' ogni trasformazione delle citta'''.

Il testo in esame al Parlamento, infatti, cosi' come formulato, non contiene norme chiare, non da' certezza del diritto e non incentiva la riqualificazione bloccando indiscriminatamente tutti gli interventi previsti dai piani regolatori dei Comuni senza adeguati criteri. In questo modo, secondo Ance e Architetti, si mettono a rischio investimenti importanti per il territorio, anche esteri, che possono essere utili a perseguire gli obiettivi che il Governo stesso ha annunciato come il Piano scuole e il Piano di prevenzione contro il dissesto idrogeologico. Infine l'Ance e il Cnappc sottolineano che la legge deve tutelare i diritti acquisiti. ''Troppo spesso, invece, abbiamo assistito a rimandi a decreti attuativi che, in barba alle scadenze previste, si sono prolungati per mesi e anni, paralizzando imprese e cittadini''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia