lunedì 23 gennaio | 16:06
pubblicato il 03/apr/2014 17:55

Ddl suolo: Ance e architetti, si rischia blocco opere utili

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - Ance e Architetti, da sempre promotori di politiche a tutela del territorio e contro l'abusivismo, condividono pienamente l'allarme dell'Anci sulla proposta di legge del Governo per la salvaguardia del territorio. La riqualificazione e' il futuro delle nostre citta' sotto il profilo energetico, ambientale ed economico.

E' il commento dell'Associazione dei costruttori e del Consiglio nazionale degli Architetti in merito alle dichiarazioni del delegato Anci all'Urbanistica, Andrea Ferrazzi, sul disegno di legge del Governo sul consumo del suolo attualmente all'esame della Camera.

''Si tratta di un provvedimento condivisibile negli obiettivi ma non nei metodi utilizzati per raggiungerli'' dichiara il presidente dell'Ance, Paolo Buzzetti, ''che rischiano di bloccare opere utili e importanti investimenti economici necessari per la modernizzazione e riqualificazione delle aree urbane''. ''Per ottenere la riduzione del consumo di suolo - commenta Leopoldo Freyrie Presidente del Consiglio Nazionale Architetti PPC - bisogna passare necessariamente dal RIUSO delle aree urbanizzate: in assenza di norme che promuovano effettivamente la rigenerazione urbana sara' impossibile rispondere alle esigenze abitative e sociali e si blocchera' ogni trasformazione delle citta'''.

Il testo in esame al Parlamento, infatti, cosi' come formulato, non contiene norme chiare, non da' certezza del diritto e non incentiva la riqualificazione bloccando indiscriminatamente tutti gli interventi previsti dai piani regolatori dei Comuni senza adeguati criteri. In questo modo, secondo Ance e Architetti, si mettono a rischio investimenti importanti per il territorio, anche esteri, che possono essere utili a perseguire gli obiettivi che il Governo stesso ha annunciato come il Piano scuole e il Piano di prevenzione contro il dissesto idrogeologico. Infine l'Ance e il Cnappc sottolineano che la legge deve tutelare i diritti acquisiti. ''Troppo spesso, invece, abbiamo assistito a rimandi a decreti attuativi che, in barba alle scadenze previste, si sono prolungati per mesi e anni, paralizzando imprese e cittadini''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4