martedì 06 dicembre | 13:37
pubblicato il 03/apr/2014 17:55

Ddl suolo: Ance e architetti, si rischia blocco opere utili

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - Ance e Architetti, da sempre promotori di politiche a tutela del territorio e contro l'abusivismo, condividono pienamente l'allarme dell'Anci sulla proposta di legge del Governo per la salvaguardia del territorio. La riqualificazione e' il futuro delle nostre citta' sotto il profilo energetico, ambientale ed economico.

E' il commento dell'Associazione dei costruttori e del Consiglio nazionale degli Architetti in merito alle dichiarazioni del delegato Anci all'Urbanistica, Andrea Ferrazzi, sul disegno di legge del Governo sul consumo del suolo attualmente all'esame della Camera.

''Si tratta di un provvedimento condivisibile negli obiettivi ma non nei metodi utilizzati per raggiungerli'' dichiara il presidente dell'Ance, Paolo Buzzetti, ''che rischiano di bloccare opere utili e importanti investimenti economici necessari per la modernizzazione e riqualificazione delle aree urbane''. ''Per ottenere la riduzione del consumo di suolo - commenta Leopoldo Freyrie Presidente del Consiglio Nazionale Architetti PPC - bisogna passare necessariamente dal RIUSO delle aree urbanizzate: in assenza di norme che promuovano effettivamente la rigenerazione urbana sara' impossibile rispondere alle esigenze abitative e sociali e si blocchera' ogni trasformazione delle citta'''.

Il testo in esame al Parlamento, infatti, cosi' come formulato, non contiene norme chiare, non da' certezza del diritto e non incentiva la riqualificazione bloccando indiscriminatamente tutti gli interventi previsti dai piani regolatori dei Comuni senza adeguati criteri. In questo modo, secondo Ance e Architetti, si mettono a rischio investimenti importanti per il territorio, anche esteri, che possono essere utili a perseguire gli obiettivi che il Governo stesso ha annunciato come il Piano scuole e il Piano di prevenzione contro il dissesto idrogeologico. Infine l'Ance e il Cnappc sottolineano che la legge deve tutelare i diritti acquisiti. ''Troppo spesso, invece, abbiamo assistito a rimandi a decreti attuativi che, in barba alle scadenze previste, si sono prolungati per mesi e anni, paralizzando imprese e cittadini''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
L.Bilancio
L.Bilancio, Dijsselbloem: ora impossibile chiedere misure extra
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni