venerdì 20 gennaio | 15:05
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Ddl stabilità/ Rischio slittamento lavori in Senato, nodo Comuni

Votazioni notturne per chiudere, ma ancora ostacoli. Domani Aula

Roma, 17 dic. (askanews) - Lavori a rilento in Senato sul ddl stabilità, frenati dalla questione Comuni, con il rischio di uno slittamento anche per l'approdo in Aula, previsto domani alle 10. La commissione Bilancio avrebbe dovuto chiudere l'esame del provvedimento in giornata, ma finora le votazioni sono andate avanti lentamente. Il principale nodo da sciogliere è il patto di stabilità interno, con i sindaci sulle barricate per cercare di ridurre i tagli alle amministrazioni comunali. Si andrà quindi avanti nella notte per cercare di concludere l'esame, ma c'è il rischio che il ritardo dei lavori in commissione possa causare uno slittamento anche per l'Aula. "Stiamo lavorando sulla partita dei Comuni - ha detto il relatore Giovanni Legnini (Pd) - per un ulteriore miglioramento nel senso indicato dai Comuni. Questo potrebbe comportare qualche ora di slittamento".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"