martedì 17 gennaio | 18:27
pubblicato il 11/ott/2011 05:10

Ddl stabilità/ Possibile rinvio, si studia prelievo baby pensioni

In Cdm entro il 20, prosegue braccio di ferro su tagli ministeri

Ddl stabilità/ Possibile rinvio, si studia prelievo baby pensioni

Roma, 11 ott. (askanews) - Potrebbe slittare il via libera in Consiglio dei ministri del ddl stabilità (la ex Finanziaria così come modificata dalla riforma del bilancio), la cui approvazione è prevista entro il 15 ottobre di ogni anno. Tra i motivi del possibile rinvio, a quanto si apprende, la necessità di approvare il provvedimento contemporaneamente al dl sviluppo (il cui varo è stato annunciato per il 19-20 ottobre) e il braccio di ferro tra il Tesoro e gli altri dicasteri sui tagli da 7 miliardi ai ministeri. Ancora, infatti, alla Rgs, dopo una settimana dalla scadenza del termine, non sono pervenute le proposte dei ministri sulla ripartizione della stretta. Tuttavia, oggi si riunirà il pre-consiglio dei ministri e probabilmente potrà essere più chiara l'intenzione dell'esecutivo sul rispetto o meno dei tempi di approvazione del ddl stabilità. Sempre per oggi è previsto al ministero dello Sviluppo economico un nuovo tavolo guidato dal ministro Paolo Romani, il coordinatore per il dl Sviluppo, sulle misure per la crescita. Ma anche ieri i ministri dell'Economia Giulio Tremonti e delle Riforme Umberto Bossi avrebbero confermato che si tratterà di un decreto a costo zero con misure per le liberalizzazioni e le semplificazioni. Resta ancora alta intanto la tensione nel Pdl sul condono, ipotesi rilanciata dal capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto nei giorni scorsi, caldeggiata da buona parte del Pdl, ma stoppata ufficialmente dal governo. Invece, tra le ipotesi che potrebbero confluire nel ddl Stabilità ci sarebbe quella di introdurre un contributo di solidarietà sulle cosiddette baby pensioni. Un prelievo che potrebbe essere dell'1% su coloro che sono usciti dal lavoro con meno di 50 anni d'età. La misura toccherebbe in particolare i dipendenti pubblici. Nel provvedimento, inoltre, potrebbe rientrare anche la proroga per il 2012 della tassazione agevolata al 10% sui premi di produttività.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa