sabato 03 dicembre | 22:44
pubblicato il 26/apr/2012 15:00

Ddl lavoro/ Emendamento Pd: Porte aperte a delegati Fiom in Fiat

Firmato da due ex sindacalisti Cgil Nerozzi e Passoni

Ddl lavoro/ Emendamento Pd: Porte aperte a delegati Fiom in Fiat

Roma, 26 apr. (askanews) - I delegati della Fiom potrebbero 'per legge' poter entrare di nuovo nelle fabbriche della Fiat. Un emendamento al ddl lavoro presentato dal Pd va in questa direzione. A firmare la proposta di modifica che interviene sul testo dello statuto dei lavoratori, sono stati due ex sindacalisti della Cgil, Paolo Nerozzi e Achille Passoni. Nel testo dal titolo 'diritto alla rappresentanza sindacale aziendale', si legge che "i lavoratori hanno diritto a costituire, in ciascuna unità produttiva, rappresentanze sindacali aziendali" e ad esse "spettano le garanzie previste dalla legge e le migliori condizioni derivanti dai contratti". Le rappresentanze che possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori sono le associazioni aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale, come la Fiom, "individuate dall'accordo interconfederale del 28 giugno 2011" e anche le associazioni "non affiliate alle confederazioni" menzionate prima che siano firmatarie di contratti collettivi nazionali o provinciali di lavoro applicati nell'unità produttiva".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari