sabato 03 dicembre | 11:08
pubblicato il 14/gen/2014 12:24

DAS (Generali): Italia fanalino di coda in Europa per manager donne

DAS (Generali): Italia fanalino di coda in Europa per manager donne

(ASCA) - Roma, 14 gen 2014 - La Gran Bretagna e' il regno europeo dei manager, ma la Lettonia e' quella che da piu' spazio alle donne dirigenti; l'Italia e' solo quarta per numero assoluto di manager (dietro la Polonia) e fanalino di coda per le quote rosa. Questi i principali risultati dell'analisi condotta da DAS, compagnia del gruppo Generali specializzata nella tutela legale, in occasione del lancio della polizza Difesa D&O, che offre l'assistenza legale e il rimborso delle spese di giustizia a favore di tutti i top manager dell'azienda, compresi i membri del Consiglio di amministrazione e del Collegio sindacale.

''Con la crisi e l'incremento dei contenziosi - spiega Roberto Grasso, direttore generale e amministratore di D.A.S.

Italia - abbiamo riscontrato da parte dei manager una crescente necessita' di sentirsi tutelati nello svolgimento degli incarichi affidati all'interno della Societa'.

L'attivita' dei top manager comporta infatti grandi responsabilita' e di conseguenza espone a importanti rischi di natura legale che possono determinare anche imputazioni di carattere penale, con spiacevoli conseguenze di natura economica e personale. Difesa D&O garantisce alle figure apicali della societa' un servizio di consulenza e assistenza legale qualificato, integrando perfettamente le garanzie offerte dalle polizze di Responsabilita' Civile Directors and Officers''.

Nel Regno Unito risiede quasi un quarto (24%) dei manager attivi in tutta Europa, poco piu' di 3 milioni alla fine del 2012 (fonte Eurostat), molto piu' numerosi che in Francia (15% del totale) e Germania (14%). L'Italia con circa 860 mila dirigenti e' solo quarta dopo la Polonia (8%) con una quota del 7%. Numeri che nel nostro Paese si sono piu' che dimezzati negli ultimi 5 anni: -56% rispetto al 2007, da 2 milioni a meno di 900 mila. Del resto, secondo quanto risulta a D.A.S. dall'analisi effettuata, in questo arco di tempo i dirigenti attivi nell'Unione Europea sono diminuiti di un terzo (-29%) da 18 a 13 milioni circa. Un vero e proprio boom c'e' stato in Danimarca, dove i dirigenti sono diminuiti del 76% (da 214 mila a 51 mila a fine 2012). Se il calo del 64% in Grecia (da 454 mila a 165 mila) si spiega facilmente con la crisi di quel Paese, analogo e' l'arretramento registrato in Finlandia (- 63%, da 249 mila a 92 mila manager). Mentre in Inghilterra il numero di dirigenti si e' ridotto in linea con la media europea, in Francia (-12% dai circa 2,2 milioni agli 1,9 milioni) e Germania (-16% dai circa 2,1 milioni agli 1,8 milioni) la riduzione e' stata piu' contenuta. Gli unici Paesi a registrare nel quinquennio 2007-2012 una crescita del numero di manager sono stati Malta (+32%), Slovenia (+22%), Cipro (+13%) e Svezia (+13%).

Mediamente nell'UE solo un terzo dei manager (33%) e' di sesso femminile. Sopra la media quasi tutti gli Stati dell'Est europeo. Spicca su tutti la Lettonia, dove siamo vicini alla parita' (46% del totale pari a 36.500). Un gradino indietro troviamo Francia, Slovenia, Lituania e Ungheria, tutti al 39% con la Francia che pesa ovviamente piu' degli altri in valori assoluti con 751 mila donne dirigenti. Nella graduatoria seguono altri Stati dell'est: la Polonia (38%) e la Bulgaria (36%) che precedono un Paese spesso associato alla parita' di genere come la Svezia (34%).

L'Italia ha poco piu' di un quarto delle donne manager (26%, 217 mila), ed e' fanalino di coda al quintultimo posto, davanti soltanto Grecia (25%), Repubblica di Macedonia (23%) Lussemburgo (18%) e Cipro (16%). did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari