domenica 04 dicembre | 01:27
pubblicato il 01/ott/2013 16:13

Dal cloud risparmi per la P.A. fino a 5,6 miliardi di euro

A Torino la due giorni di Smart Mobility World

Dal cloud risparmi per la P.A. fino a 5,6 miliardi di euro

Roma, (askanews) - Piattaforme Cloud e soluzioni Big Data come componenti tecnologiche fondamentali per lo sviluppo dei servizi digitali per Smart City, cioè le città intelligenti del prossimo futuro. Sono i temi caldi dibattuti alla prima edizione di Smart Mobility World, fiera Business to business sul tema delle Smart city, che si e' svolta a Torino tra il 26 e il 27 settembre.Sempre di più il Cloud e' imprescindibile per la pubblica amministrazione, e in tempi di crisi e minori risorse può essere una leva per razionalizzare i costi e l'efficienza dei servizi al cittadino.Leandro Aglieri di Cloud4defence. "Realizzare il cloud computing per l'intera P.A vale 5,6 miliardi, quando un'imu prima casa ne vale 4".Si tratta comunque di temi legati all'agenda digitale europea. Aglieri ha dedicato particolare attenzione al tema del cloud e della mobilità. "Il cloud computing applicato alla mobilità consentirebbe un grosso vantaggio per i cittadini che potrebbero in qualsiasi momento avere dei servizi cosidetti geolocalizzati che potrebbero essere forniti dalla pubblica amministrazione, piuttosto che dalla regione".

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari