venerdì 24 febbraio | 19:20
pubblicato il 13/set/2013 10:11

Cultura e ripresa oltre l'Expo, la Triennale guarda al 2016

De Albertis: i nostri saperi per rilanciare la produzione

Cultura e ripresa oltre l'Expo, la Triennale guarda al 2016

Milano (askanews) - Si parla tanto dello stretto rapporto tra la cultura e la ripresa economica e alla Triennale di Milano il presidente Claudio De Albertis lavora per dare un senso concreto ai tanti proclami degli ultimi mesi. "Noi crediamo - ci ha detto - che lo strumento della cultura sia fondamentale per fare crescere anche la capacità produttiva". Per farlo davvero, la Triennale prova, in un certo senso, ad "allungare" l'Expo del 2015, sfruttando l'onda lunga dell'Esposizione universale. La Triennale crede talmente in questo - ha aggiunto De Albertis - che ha deciso di proporre e il Bie ha accettato di rifare dopo 30 anni la Triennale internazionale nel 2016, che avrà un titolo: Disegnare le cose". La speranza è che questo disegno, alla fine, sia all'insegna di un rilancio duraturo dell'eccellenza milanese e italiana.

Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
Alitalia
Alitalia, sindacati: adesione sciopero unanime, azienda tratti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech