domenica 22 gennaio | 21:21
pubblicato il 16/set/2014 12:00

Csc: da inizio crisi persi quasi 2 milioni di posti di lavoro

"Lieve recupero" nel 2015 ma disoccupazione al 12,5% in 2014-2015

Csc: da inizio crisi persi quasi 2 milioni di posti di lavoro

Roma, 16 set. (askanews) - In fumo quasi 2 milioni di posto di lavoro dall'inizio della crisi. Secondo il Centro Studi di Confindustria, dal 2007, sono andati persi 1 milione e 978mila Ula (unità di lavoro equivalenti a tempo pieno). La situazione dovrebbe cominciare a migliorare nel 2015 con un "lieve recupero", ma il biennio 2014-2015 si chiuderà con 1 milione e 904mila Ula occupate in meno rispetto a fine 2007 (-7,6%). Quanto al tasso di disoccupazione, rimarrà stabile su alti livelli sia nel 2014 che nel 2015 (al 12,5%). Considerando anche le Ula equivalenti in Cassa integrazione guadagni, il Csc stima che l'incidenza della forza lavoro inutilizzata rimarrà al 13,9% fino a inizio 2015, per scendere nel corso dell'anno (13,6% nell'ultimo quarto).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4