lunedì 20 febbraio | 23:41
pubblicato il 16/set/2014 12:00

Csc: da inizio crisi persi quasi 2 milioni di posti di lavoro

"Lieve recupero" nel 2015 ma disoccupazione al 12,5% in 2014-2015

Csc: da inizio crisi persi quasi 2 milioni di posti di lavoro

Roma, 16 set. (askanews) - In fumo quasi 2 milioni di posto di lavoro dall'inizio della crisi. Secondo il Centro Studi di Confindustria, dal 2007, sono andati persi 1 milione e 978mila Ula (unità di lavoro equivalenti a tempo pieno). La situazione dovrebbe cominciare a migliorare nel 2015 con un "lieve recupero", ma il biennio 2014-2015 si chiuderà con 1 milione e 904mila Ula occupate in meno rispetto a fine 2007 (-7,6%). Quanto al tasso di disoccupazione, rimarrà stabile su alti livelli sia nel 2014 che nel 2015 (al 12,5%). Considerando anche le Ula equivalenti in Cassa integrazione guadagni, il Csc stima che l'incidenza della forza lavoro inutilizzata rimarrà al 13,9% fino a inizio 2015, per scendere nel corso dell'anno (13,6% nell'ultimo quarto).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia