venerdì 09 dicembre | 07:41
pubblicato il 16/set/2014 12:00

Csc: da inizio crisi persi quasi 2 milioni di posti di lavoro

"Lieve recupero" nel 2015 ma disoccupazione al 12,5% in 2014-2015

Csc: da inizio crisi persi quasi 2 milioni di posti di lavoro

Roma, 16 set. (askanews) - In fumo quasi 2 milioni di posto di lavoro dall'inizio della crisi. Secondo il Centro Studi di Confindustria, dal 2007, sono andati persi 1 milione e 978mila Ula (unità di lavoro equivalenti a tempo pieno). La situazione dovrebbe cominciare a migliorare nel 2015 con un "lieve recupero", ma il biennio 2014-2015 si chiuderà con 1 milione e 904mila Ula occupate in meno rispetto a fine 2007 (-7,6%). Quanto al tasso di disoccupazione, rimarrà stabile su alti livelli sia nel 2014 che nel 2015 (al 12,5%). Considerando anche le Ula equivalenti in Cassa integrazione guadagni, il Csc stima che l'incidenza della forza lavoro inutilizzata rimarrà al 13,9% fino a inizio 2015, per scendere nel corso dell'anno (13,6% nell'ultimo quarto).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni