mercoledì 18 gennaio | 00:42
pubblicato il 11/gen/2013 12:00

Crisi/Rehn:Italia ha recuperato fiducia mercati da novembre 2011

Ora è molto più stabile e sicura, ma deve mantenere la rotta

Crisi/Rehn:Italia ha recuperato fiducia mercati da novembre 2011

Bruxelles, 11 gen. (askanews) - "Che cosa sarebbe successo se l'Italia avesse allentato le sue politiche di bilancio nel novembre 2011?" Lo ha chiesto il commissario Ue agli Affari economici e monetari, Olli Rehn, durante un dibattito pubblico organizzato questa mattina a Bruxelles dallo European Policy Centre (Epc). "Già dal settembre 2011 - ha ricordato il commissario, sottolineando l'importanza cruciale, per la ripresa economica, del fattore della fiducia dei mercati, che dipende dal risanamento delle finanze pubbliche - in Italia avevamo visto politiche non coerenti con gli impegni di bilancio", mentre "da novembre (ossia dall'entrata in funzione del governo Monti, ndr) "sono state avviate misure di consolidamento più coerenti e conseguenti", e perciò "sono scesi i rendimenti dei titoli di Stato, ciò che faciliterà la ripresa economica". Precedentemente, Rehn aveva rilevato che gli spread in Italia "si sono dimezzati dall'autunno 2011 di 100 punti base, ciò che costituisce un risparmio di 3 miliardi di euro solo nel primo anno". Non ci sono preoccupazioni per le imminenti elezioni, che sono parte del processo democratico e "che rispettiamo, essendo la democrazia è un valore fondamentale dell'Ue", ha detto ancora il commissario rispondendo a una domanda. "Ora l'Italia è diventata molto più stabile e sicura", ha aggiunto Rehn, sottolineando che "l'importante è che mantenga la rotta (del consolidamento di bilancio, ndr) e che stia lontana dalle acque agitate". Quanto alle critiche crescenti di tutti i partiti in campagna elettorale contro certe misure del governo Monti, e in particolare l'Imu, il commissario ha osservato che "non è mai pericoloso riconsiderare" le misure prese, "lo scetticismo è un valore illuminista, e uno dei valori fondamentali dell'Europa; con il suo debito pubblico al 120% del Pil - ha ricordato -, l'importante è che l'Italia stia nell'attuale percorso di consolidamento del bilancio e consegua l'obiettivo dell'avanzo primario in termini strutturali". "Non possiamo permetterci indulgenze, non possiamo allentare la presa sulle riforme economiche, necessarie per recuperare la fiducia dei mercati", ha concluso il commissario.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa