lunedì 23 gennaio | 14:25
pubblicato il 10/ago/2011 05:10

Crisi/Pensioni fra novità manovra? Bossi: "non si toccano"

E anche il ministro Sacconi smentisce: "allo stato non c'è nulla"

Crisi/Pensioni fra novità manovra? Bossi: "non si toccano"

Roma, 10 ago. (askanews) - Oggi ci sarà il secondo incontro fra il governo e le parti sociali a meno di sette giorni dal primo tavolo del 4 agosto, in una settimana in cui lo scenario nazionale e internazionale è peggiorato. Intanto ci sono le prime indiscrezioni sulle novità in cantiere dell'esecutivo per anticipare al 2013 il pareggio di bilancio, il piatto forte riguarda la delega fiscale e assistenziale la cui scadenza potrebbe essere accelerata al 2012. Ma questi interventi rischiano di non essere sufficienti a realizzare l'obiettivo dell'azzeramento del deficit con un anno in anticipo rispetto alla tabella di marcia della manovra. Il governo, quindi, potrebbe essere costretto a mettere mano al capitolo pensioni, non solo per anticipare qualche misura già prevista dalla manovra ma anche per studiare qualche correttivo. Arriva però l'altolà della Lega: "Le pensioni dei lavoratori non si toccano": e' il titolo di prima pagina della Padania che cita anche le parole del ministro Umberto Bossi dopo l'incontro con Tremonti "'Finche' c'e' la Lega non si mettono in discussione i diritti della nostra gente"' e insiste "La stabilita' non sacrifichi Padania e fasce deboli". Lo smentisce anche il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. Alla domanda del Tg1 ieri sera se ci saranno interventi sul fronte previdenziale, Sacconi ha replicato: "Allo stato non c'è nulla a questo proposito". Secondo le indiscrezioni, nel mirino della manovra invece sarebbero soprattutto le pensioni d'anzianità e l'età di uscita dal lavoro delle donne nel settore privato, oltre alla possibilità che si rafforzi la stretta sulla rivalutazione delle pensioni. Misure tuttavia non facili da far digerire ai sindacati che domani insieme alle imprese incontreranno ancora il governo per un nuovo confronto sulla strategia anticrisi per mettere a riparo con urgenza l'Italia dagli attacchi speculativi sui mercati. Oltre a pensioni e assistenza, se le esigenze finanziarie lo renderanno necessario potrebbero arrivare anche altre misure straordinarie. Si parla delle patrimoniale e dell'aumento dell'Iva. Rispunta inoltre il progetto di aliquota unica per le rendite finanziarie, probabilmente al 20% con l'esclusione dei titoli di Stato. Nella strada già tracciata dal governo c'è poi l'introduzione del pareggio di bilancio in Costituzione con la modifica dell'articolo 81, i correttivi all'articolo 41 sulla libertà d'impresa e la riforma del mercato del lavoro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4