giovedì 19 gennaio | 18:07
pubblicato il 30/nov/2011 07:14

Crisi/Da Eurogruppo piena fiducia a Monti per programma governo

Juncker e Rehn: Prenderà tutte le misure per pareggio nel 2013

Crisi/Da Eurogruppo piena fiducia a Monti per programma governo

Bruxelles, 30 nov. (askanews) - I ministri dell'Eurogruppo hanno praticamente concluso, durante la loro riunione ieri a Bruxelles, i lavori per il rafforzamento e l'ampliamento del campo di applicazione del Fondo di salvataggio dell'Eurozona (Efsf), stabilendo anche un calendario per l'avvio operativo dei due nuovi strumenti che, usando la leva finanziaria, dovrebbero aumentarne di la 'potenza di fuoco' per fermare il contagio della crisi dei debiti sovrani. Le decisioni formali, tuttavia, saranno prese dai capi di Stato e di governo durante il verice dell'8 e 9 dicembre. "Entro dicembre", ha annunciato il presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker alla fine della riunione, sarà attivato il primo dei due nuovi strumenti: la "protezione parziale dal rischio" per i titoli di Stato dei paesi dell'Eurozona sotto l'attacco dei mercati. Il Fondo fornirà dei 'certificati di garanzia' per le nuove emissioni, pari al 20 o al 30 per cento del loro valore nominale, in modo da rendere le obbligazioni del debito sovrano più attrattive per gli investitori. Le garanzie, ha spiegato il direttore esecutivo dell'Efsf, Kaus Regling, "saranno usate innanzitutto nei programmi di intervento preventivo, per ridurre i costi di finanziamento" del debito pubblico dei paesi interessati. I certificati, ha aggiunto Regling, avranno la stessa durata e la stessa scadenza dei titoli a cui si riferiscono, ma dopo l'emissione potranno essere slegati dai titoli stessi e scambiati separatamente sul mercato. Il secondo strumento, che secondo Juncker sarà operativo "entro gennaio", è un nuovo "Fondo di co-investimento" che potrà intervenire direttamente sui mercati per acquistare i titoli di debito dei paesi in crisi, e anche, se sarà necessario, per il finanziamento della ricapitalizzazione delle banche. Il Fondo di co-investimento raccoglierà risorse in tre modi, ha spiegato Regling: per una prima parte tramite finanziamenti diretti dell'Efsf; per la seconda parte attraverso l'intervento di fondi pubblici e privati - compresi finanziamenti da parte del Fondo monetario internazionale -, e per la terza parte mediante l'emissione di bond. Questo nuovo veicolo finanziario sarà 'country specific': gli investitori, in altre parole, potranno scegliere a quale paese dell'Eurozona destinare i propri finanziamenti. In questo quadro è previsto anche un aumento delle risorse che gli Stati membri mettono a disposizione dell'Fmi. Juncker ha riconosciuto che l'Eurogruppo ha convenuto di "esaminare rapidamente" le modalità di quest'aumento "attraverso prestiti bilaterali", in modo che l'Fmi possa aiutare meglio l'Eurozona ad affrontare la crisi del debito. L'obiettivo, secondo Juncker, è quello di "far corrispondere in modo adeguato la capacità di prestito dell'Fmi alla nuova potenza di fuoco dell'Efsf", e rendere ancora più stretta la cooperazione fra i due organismi internazionali. Sembra poco probabile, tuttavia, che queste soluzioni rappresentino quella "risposta complessiva" alla crisi, che da tempo invocano e promettono i leader europei, senza riuscire a convincere i mercati. Il nuovo Efsf, potenziato con capacità d'intervento molto più ampie, continuerà ad avere un difetto di fondo nelle sue risorse limitate. Che non basterebbero a fermare il contagio della crisi alle economie maggiori dell'Eurozona anche se con il ricorso alla leva finanziaria si arrivasse, com'è nelle intenzioni, a circa mille miliardi di euro. Secondo molti osservatori, sono misure che potranno funzionare solo se, sullo sfondo, la Banca centrale europea continuerà a intervenire autonomamente e massicciamente sui mercati secondari dei bond, ogni volta che sarà necessario per raffreddare l'aumento degli interessi pagati dai paesi sotto attacco. Più che alle decisioni dei responsabili dell'Eurozona, insomma, i mercati terranno conto soprattutto dei comportamenti concreti della Bce, a cui però nessuno può dire cosa fare o non fare. In questo senso, è importante quella sorta di 'tregua' decisa ieri da francesi e tedeschi, nel contesto della nomina del successore di Bini Smaghi nel board della Banca, con l'impegno a rispettare di più l'indipendenza dell'Eurotower.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, 9 orologi atomici in avaria sui 18 satelliti di Galileo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale