lunedì 27 febbraio | 17:17
pubblicato il 12/gen/2013 12:00

Crisi/Cgil: 2012 anno nero lavoro, 520mila in Cig e -8mila euro

"Sistema produttivo frantumato, entro gennaio presentiamo piano"

Crisi/Cgil: 2012 anno nero lavoro, 520mila in Cig e -8mila euro

Roma, 12 gen. (askanews) - Il 2012 è stato un anno nero per il lavoro, il secondo peggiore dal 1980 a oggi dietro soltanto al 2010 in termini di ricorso alla cassa integrazione. L'anno appena trascorso si è infatti chiuso con oltre 520mila lavoratori in Cig a zero ore (dato che sfonda abbondantemente il muro del milione se si considera il 50% del tempo lavorato) per un totale di un miliardo e 90 milioni di ore di cassa integrazione. Questi lavoratori sono stati costretti a rinunciare a 8mila euro in busta paga, pari a un taglio complessivo di 4,2 miliardi di euro al netto delle tasse. E' questo, in sintesi, il bilancio degli effetti determinati dalla crisi secondo l'elaborazione delle rilevazioni dell'Inps da parte dell'osservatorio Cig della Cgil. Il totale di ore di cassa integrazione registrate dal 2008 al 2012 è stato di circa 4,4 miliardi: nel 2008 si sono registrate 188.821.707 ore (ma con una poderosa crescita a partire dall'ultimo quadrimestre dell'anno con 87.396.558 di ore registrate); nel 2009 la cig ha raggiunto le 918.146.733 ore richieste; nel 2010, con l'introduzione della cassa in deroga, si è toccato il picco con 1.203.638.249; e, infine, nel 2011 si è chiuso con 953.506.796 ore. Con un miliardo e 90.654.222 di ore richieste nel 2012 il totale degli ultimi 5 anni è stato di 4.354.767.707. "Questi dati - sottolinea il segretario confederale della Cgil, Elena Lattuada - descrivono un sistema produttivo letteralmente frantumato dagli effetti della crisi e dalla cecità di chi prima ha negato e di chi poi non ha agito. Così come la condizione di centinaia di migliaia di lavoratrici e di lavoratori è di grandissima sofferenza". Per la Cgil "serve un'opera di ricostruzione, che deve partire dal lavoro: sarà questo il compito del prossimo Governo. Noi non ci sottrarremo alle responsabilità e faremo la nostra parte presentando, alla conferenza di programma di fine gennaio, un 'Piano del lavoro', perché solo il lavoro può dare al paese una prospettiva di sviluppo e di crescita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech