martedì 17 gennaio | 09:59
pubblicato il 28/feb/2013 12:00

Crisi/ Visco: Nel 2011 corso rischio enorme,evitare si riproponga

Mercati hanno risentito voto ma non hanno punito titolo Italia

Crisi/ Visco: Nel 2011 corso rischio enorme,evitare si riproponga

Milano, 28 feb. (askanews) - A novembre del 2011 "abbiamo corso un rischio enorme, reale, un rischio che la gente ha rimosso perchè non si è materializzato. Era enorme e reale allora e bisogna mettere le condizioni, fare le cose e comunicarle, perchè non si riproponga". Così il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, in un colloquio con Il Sole 24 Ore, dedicato alla situazione italiana dopo il voto. "I mercati - prosegue Visco - ne hanno risentito, ma non hanno punito il titolo Italia. Chi investe sul debito pubblico italiano sono innanzitutto le stesse famiglie che hanno votato in questi giorni e non vanno deluse. Occorre - conclude il Governatore di Bankitalia - un disegno organico rivolto al futuro che sappia parlare soprattutto ai giovani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello