domenica 04 dicembre | 15:58
pubblicato il 27/set/2013 12:50

Crisi: Visco, evasione fiscale anomalia che penalizza ripresa

Crisi: Visco, evasione fiscale anomalia che penalizza ripresa

(ASCA) - Milano, 27 set - L'evasione fiscale rappresenta ''un'anomalia che ancora oggi continua e contribuisce a spiegare - con i ritardi nell'aggiustamento dell'industria ai grandi cambiamenti globali, politici e tecnologici, degli ultimi decenni e quelli nell'efficienza dei servizi pubblici - le gravi difficolta' nelle quali oggi versa la nostra economia''. Lo ha sottolineato il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, durante il suo intervento all'Universita' Bocconi di Milano in ricordo di Luigi Spaventa, economista, ex Ministro ed ex presidente della Consob, scomparso nel febbraio scorso. Visco si e' soffermato sul suo personale rapporto con Spaventa di inizio anni '90. In quel periodo, ha sottolineato, in Bankitalia ''le nostre analisi e quelle di Spaventa si collocarono sulla stessa linea, identificando nel forte deficit di concorrenza e nella bassa dinamica della produttivita' nei servizi rispetto all'industria l'anomalia italiana nei confronti dei nostri partner, un'anomalia resa ancora piu' forte dalla maggiore evasione fiscale (tollerata dallo Stato), che contribuiva a far sopravvivere imprese marginali inefficienti''. fcz/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari