martedì 21 febbraio | 13:54
pubblicato il 19/feb/2012 05:10

Crisi/ Visco: Crollo record prestiti, evitare asfissia credito

" recessione, ripresa in 2013". Richiamo su patrimonio e cedole

Crisi/ Visco: Crollo record prestiti, evitare asfissia credito

Parma, 19 feb. (askanews) - Non far soffocare l'economia in un'asfissia creditizia. Il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, si è rivolto direttamente ai banchieri della platea del Forex per lanciare l'allarme sulla stretta creditizia. Un richiamo forte a fare bene il loro mestiere, in maniera prudente e selettiva ma non facendo mancare il sostegno all'economia. Anche perchè il 2012 "sarà un anno di recessione" (con il Pil a -1,5%), i prestiti alle imprese sono crollati a livelli record e le tensioni sui mercati finanziari non sono ancora finite. Un contesto difficile in cui, anche per le banche, si profilano nuove e difficili sfide, dal recupero di redditività al rafforzamento patrimoniale. Fino a novembre, ha spiegato ieri il governatore, il credito erogato "aveva continuato ad aumentare, pur se a ritmi decrescenti". A dicembre però "i prestiti alle imprese si sono contratti, di circa 20 miliardi, e l'entità della diminuzione è molto elevata nel confronto storico". diminuita la domanda di finanziamenti, ma le indagini su banche e imprese "segnalano anche un irrigidimento nelle condizioni di offerta". E "un'ulteriore lieve contrazione" del credito ci sarebbe stata anche a gennaio. In questa fase delicata quindi, è il monito di Visco, le banche devono dimostrare "di saper svolgere bene la loro funzione di allocazione del credito, in una gestione sana e prudente, con acuita capacità selettiva. cruciale che l'economia non entri in asfissia creditizia, deperendo e trascinando con sè anche le prospettive del sistema bancario". Il Paese è in recessione, ma per il governatore è il momento di "guardare avanti, operare perchè con la normalizzazione delle condizioni sui mercati finanziari e del credito sia possibile stabilizzare l'attività produttiva già nella seconda metà del 2012 e tornare a un'espansione del reddito nel prossimo anno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia