venerdì 24 febbraio | 13:33
pubblicato il 10/lug/2013 11:07

Crisi: Visco, contrazione Pil 2013 vicina ai 2 punti percentuali

(ASCA) - Roma, 10 lug - ''Nel primo trimestre del 2013 il pil dell'Italia e' ancora diminuito, in larga misura per effetto della caduta della domanda interna: sono scese anche le esportazioni. Nelle nostre previsioni, la contrazione del pil nel 2013 sarebbe vicina ai due punti percentuali'', mentre per il 2014 ''la crescita complessiva sara' superiore al mezzo punto percentuale''. Cosi' il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, nel suo intervento all'assemblea annuale dell'Abi, davanti al ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, al presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, e a una platea di banchieri ed economisti.

Visco ha anticipato i dati che saranno resi noti tra una settimana nel Bollettino economico della Banca d'Italia.

''Nel breve periodo - ha detto - la domanda interna dovra' trovare sostegno nella tempestiva esecuzione del pagamento dei debiti commerciali delle amministrazioni pubbliche''.

ram/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Alitalia
Alitalia, sindacati: adesione sciopero unanime, azienda tratti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech