sabato 25 febbraio | 13:22
pubblicato il 10/lug/2013 11:07

Crisi: Visco, circolo vizioso tra debiti sovrani e banche non spezzato

(ASCA) - Roma, 10 lug - L'accordo raggiunto in sede di Eurogruppo sull'utilizzo delle risorse del Fondo europeo salva-Stati per ricapitalizzare le banche, nonche' le regole fissate, in sede Ecofin, per il risanamento e la risoluzione delle banche in crisi, sono dei passi avanti ma non ancora decisivi. Lo ha spiegato il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, nel suo intervento all'assemblea generale dell'Abi, sottolineando che ''gli accordi raggiunti rappresentano un passo importante verso l'unione bancaria ma non consentono di spezzare il circolo vizioso tra le condizioni dei debiti sovrani e quelle delle banche e di eliminare la frammentazione nazionale dei mercati finanziari''. Per il governatore ''va realizzato al piu' presto un meccanismo di risoluzione europeo, comprendendo un'Autorita' unica e risorse comuni, in grado di far fronte a crisi di natura sistemica, di evitare fenomeni di contagio''.

men/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech