sabato 25 febbraio | 14:38
pubblicato il 18/gen/2013 12:00

Crisi/ Visco: Ancora in recessione, anche 2013 sarà difficile

"Crisi potrebbe finire in secondo semestre. Riforme per crescita"

Crisi/ Visco: Ancora in recessione, anche 2013 sarà difficile

Roma, 18 gen. (askanews) - L'Italia è ancora in recessione e anche il 2013 sarà un anno difficile. Lo ha sottolineato il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, secondo cui "l'economia italiana è ancora in recessione. Anche quest'anno sarà un anno difficile". "Stimiamo - ha affermato il governatore in una lectio magistralis all'università di Firenze - che il Pil possa ridursi in media dell'1%. La recessione potrebbe avere fine nella seconda parte del 2013". "Ma al di là della congiuntura sfavorevole - ha aggiunto Visco - il Paese deve saper trovare le motivazioni e gli incentivi per affrontare con decisione il problema della crescita. Guadagni di competitività possono essere solo il risultato di un impegnativo ma imprescindibile disegno organico di riforma".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech