domenica 04 dicembre | 17:24
pubblicato il 05/ago/2013 17:14

Crisi: vertice Saccomanni-Visco-Letta, segnali di ripresa

Crisi: vertice Saccomanni-Visco-Letta, segnali di ripresa

(ASCA) - Roma, 5 ago - Ci sono segnali di miglioramento per l'economia italiana, un'inversione di fase del ciclo economico. Su questi e altri punti hanno concordato oggi il presidente del Consiglio, Enrico Letta, il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni e il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, durante la colazione di lavoro che si e' svolta oggi a Palazzo Chigi. Secondo quanto si apprende da fonti ministeriali, Letta, Saccomanni e Visco hanno insistito sulla necessita' di procedere con misure a sostegno dei segnali di ripresa, sul modello del decreto del fare, di 'mettere benzina' sul fuoco della crescita. Effettuata inoltre, durante l'incontro, anche una verifica dei dati inerenti i segnali di ripresa e della fiducia, che partono principalmente dal settore manifatturiero. Quanto alle banche il sistema e' solido, nonostante alcune criticita' che potranno essere superate in prospettiva di una fase di ripresa. Sul fronte internazionale, tra i punti sui quali si e' registrata unita' d'intenti anche 'l'avanti tutta' sull'unita' bancaria che potrebbe diventare uno dei temi forti del semestre di presidenza europea all'Italia. int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari