sabato 03 dicembre | 00:11
pubblicato il 09/lug/2013 14:20

Crisi: Uvet Travel Index, rallenta caduta pil nel secondo trimestre

Crisi: Uvet Travel Index, rallenta caduta pil nel secondo trimestre

(ASCA) - Roma, 9 lug - Nel secondo trimestre di quest'anno rallenta la caduta del pil nel nostro Paese. E' quanto prevede l'Uvet Travel Index che ha individuato una relazione scientifica ed econometrica tra l'andamento dei viaggi d'affari e il pil italiano. L'Uvet Travel Index e' stato ideato dal gruppo Uvet, leader nella distribuzione turistica con 2,2 mld di euro di giro d'affari, e curato, per la parte scientifica, da The European House Ambrosetti. Confrontando una serie numerica compresa fra il primo gennaio 2006 e il 30 giugno 2013 si e' verificato che il trend dei viaggi d'affari rispecchia al 94% l'andamento del Prodotto Interno Lordo del Paese. ''Piu' volte - afferma Luca Patane', presidente del gruppo Uvet - abbiamo detto che c'e' una correlazione tra andamento dei viaggi d'affari e pil, ora abbiamo dato una veste scientifica a questa nostra intuizione e nei prossimi mesi contiamo di dare la prima previsione ufficiale''. L'indice si base sulle rilevazioni della Business Travel Survey (BTS), l'indagine periodica che monitora i trend nel settore dei viaggi d'affari elaborata da Uvet American Express, la societa' del gruppo Uvet specializzata nella gestione della mobilita' aziendale. Secondo gli ultimi dati disponibili della BTS, nei primi sei mesi del 2013 le trasferte di lavoro sono cresciute del 2% rispetto all'analogo periodo del 2012. Contemporaneamente vi e' stata, pero', una riduzione della spesa media (-4%), segno che le aziende ricercano le soluzioni piu' vantaggiose per ridurre il costo dei viaggi di lavoro favorite anche dalla strategia di prezzo dell'offerta. A trainare questo lieve incremento sono soprattutto le mete intercontinentali (+6%), mentre segnali di sofferenza provengono dal mercato europeo, dove le trasferte aeree sono state in calo del 2%, e da quello nazionale che ha evidenziato una riduzione degli spostamenti dell'8%. Le spese in viaggi aerei hanno registrato complessivamente un calo, soprattutto grazie al minor costo del biglietto aereo, ridottosi mediamente del 6% sui voli intercontinentali, del 5% su quelli nazionali e del 3% su quelli europei.

Sul mercato interno prosegue l'ascesa degli spostamenti in treno grazie anche all'aumento dell'offerta nel segmento alta velocita' con un incremento del 10%. La presenza di due operatori concorrenti nel settore ha, inoltre, favorito la riduzione del costo medio del biglietto: dai 60 euro del primo semestre 2012 ai 56 euro del primo semestre 2013.

I dati della Business Travel Survey 2013 sulle destinazioni piu' gettonate da chi si sposta per lavoro evidenziano sul fronte intercontinentale una crescita delle trasferte verso Dubai che, con una quota del 5,3% sul totale trasferte nel primo semestre 2013 (4,4% nello stesso periodo del 2012), e' stata la principale meta. Contemporaneamente, New York ha perso la propria leadership, passando da una quota del 5,5% (primo semestre 2012) a una del 4,8% (primo semestre 2013).

Come gia' rilevato nel semestre precedente, prosegue il calo delle trasferte aeree verso i paesi BRIC, ma con Brasile e Russia in crescita, India e Cina in diminuzione. Se nel primo semestre 2012 erano il 6,1% del totale ora sono il 6%.

Sul mercato europeo Parigi rimane la meta piu' battuta da manager e dipendenti di aziende attive in Italia: sulla capitale francese nel primo semestre di quest'anno si e' concentrato il 13,4% di tutte le trasferte (12,6% nello stesso periodo 2012). Cresce anche Madrid, con una quota passata dal 3,6% del 1* semestre 2012 al 3,9% del 1* semestre 2013. Meno frequentate, rispetto alla prima meta' del 2012, Francoforte (dal 4% al 3,4%), Monaco (dal 3,3% al 3,1%) e Bruxelles (dal 6,5% al 6,1%).

Sul mercato domestico, la Business Travel Survey evidenzia meno movimento per affari verso Roma, scesa nel primo semestre 2013 sotto il 30% (28,2%) contro il 30,7% del 2012.

Si e' viaggiato di meno anche verso Torino, dal 3,8% del primo semestre 2012 al 3,5% di quest'anno. Si viaggia di piu' per lavoro, invece, verso le altre mete nazionali: Milano (dal 30,7% al 31,1%), Napoli (dal 6,7% al 7,1%), Catania (dal 5% al 5,3%), Bari (dal 3,1% al 3,5%), Venezia (dal 2,9% al 3,5%), Genova (dal 2,8% al 3,2%) e Palermo (dal 2,5 al 2,6%). com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari