lunedì 23 gennaio | 01:37
pubblicato il 28/ott/2013 11:01

Crisi: Unioncamere, in 9 mesi nate 296 mila imprese. 1 su 3 'under 35'

Crisi: Unioncamere, in 9 mesi nate 296 mila imprese. 1 su 3 'under 35'

(ASCA) - Roma, 28 ott - ''La voglia di provarci resta forte nei giovani alle prese con la crisi. Dall'inizio dell'anno, un vero e proprio esercito di italiani 'under 35' ha deciso di tentare la carta dell'impresa scegliendo, come si diceva una volta, di mettersi 'in proprio'''. E' quanto emerge da un'analisi di Unioncamere, presentata oggi a Genova in occasione della 138* assemblea dell'associazione. Dall'analisi si evidenzia che ''delle quasi 300 mila imprese nate tra l'inizio dell'anno e la fine di settembre, infatti, oltre 100 mila (il 33,9%) hanno alla guida uno o piu' giovani con meno di 35 anni di eta'. La culla di questa vitalita' imprenditoriale e' il Sud, dove ha sede il 38,5% delle nuove imprese giovanili, con quasi 40 mila attivita' aperte in nove mesi. I settori in cui i giovani sembrano individuare le maggiori possibilita' di successo sono quelli del commercio (dove opera il 20,5% delle neo-imprese giovanili), delle costruzioni (9,4%) e dei servizi di ristorazione (5,6%). Nella grande maggioranza dei casi (il 76,8%) si tratta di imprese individuali, la forma piu' semplice - ma anche la piu' fragile - per operare sul mercato; il 15,6% ha scelto invece la forma della societa' di capitale, piu' idonea a sostenere progetti di sviluppo anche ambiziosi''. ''C'e' una generazione di giovani che non si rassegna a lasciare l'Italia per costruirsi un futuro - dichiara il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello - ne' si arrende al vento della protesta ma si rimbocca le maniche e guarda con coraggio al domani. A questi italiani dobbiamo intanto dire grazie per l'esempio che danno, ma soprattutto dobbiamo creare le condizioni per aiutarli a realizzare il loro progetto di vita. Abbiamo il dovere di dare loro un paese piu' moderno e quindi digitalizzato, piu' efficiente e percio' piu' credibile e capace di attrarre intelligenze e investimenti, piu' meritocratico e dunque piu' libero e rispettoso delle persone, capace di valorizzare le loro competenze nell'interesse di tutti''. com-drc/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4