martedì 24 gennaio | 16:17
pubblicato il 27/apr/2013 16:10

Crisi: Unimpresa, da nuovo governo privatizzazioni da 40 mld per ripresa

(ASCA) - Roma, 27 apr - Un piano di privatizzazioni da 40 miliardi di euro per far ripartite la ripresa. Cedere una fetta del patrimonio immobiliare, stimato in 400 miliardi di euro, in modo da creare risorse in parte per ridurre il debito dello Stato e in parte per rilanciare gli investimenti pubblici, necessari a creare sviluppo. Questa la ricetta di Unimpresa proposta nel giorno in cui nasce il nuovo Governo guidato da Enrico Letta. Unimpresa stima che la valorizzazione del 10% degli immobili di proprieta' sia dello Stato sia delle amministrazioni territoriali (regioni, province, comuni) potrebbe consentire all'Esecutivo di avere a disposizione nuovo gettito per rimettere in moto l'economia. L'associazione indica nella riduzione del ''buco'' nei conti pubblici, oggi sopra i 2mila miliardi di euro, la destinazione di una quota dei 40 miliardi che potrebbero arrivare nelle casse statali: in questo modo diminuirebbe la necessita' di emissione di titoli da parte del Tesoro con un consequenziale abbattimento degli interessi da pagare a risparmiatori e investitori. Si avvierebbe cosi' un circolo virtuoso che in tempi non lunghi potrebbero portare a un drastico taglio del debito pubblico.

Accanto al calo dei costi per il servizio del debito, Unimpresa suggerisce anche di utilizzare una seconda parte del ''gettito da privatizzazioni'' per rilanciare gli investimenti pubblici. Una politica keynesiana di cui il Paese ha bisogno per uscire dalla recessione. Si tratterebbe di avviare o terminare alcune grandi opere, per dare al Paese infrastrutture adeguate sia alle imprese gia' operanti dentro i nostri confini sia ai grandi player internazionali che tornerebbero a guardare con interesse all'Italia, iniettando importanti risorse finanziarie. Non solo - prosegue l'associazione - gli investimenti pubblici si trasformerebbero immediatamente in una immissione di liquidita' nel circuito produttivo: dalle grandi industrie i benefici arriverebbero a cascata anche alle micro, piccole e medie imprese. ''Auguriamo buon lavoro al presidente del consiglio, Enrico Letta, sicuri che potra' far bene per il nostro Paese.

Che finalmente ha un Governo sostenuto da una maggioranza ampia composta dalle piu' importanti forze politiche sedute in Parlamento'', ha dichiarato il presidente Paolo Longobardi.

rba/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4