mercoledì 18 gennaio | 17:58
pubblicato il 24/lug/2013 15:42

Crisi: Unimpresa, boom derivati in Italia, in 2012 +7% a 124 mld

(RIPETIZIONE CON TITOLO CORRETTO). (ASCA) - Roma, 24 lug - La massa di titoli finanziari speculativi, i cosiddetti derivati, e' cresciuta del 7% in un anno (tra dicembre 2011 e dicembre 2012) passando da 116,74 miliardi di euro a 124,95 miliardi. E' quanto merge dal rapporto 'La crisi fa crescere i derivati in Italia' realizzato dal Centro studi di Unimpresa, che mostra come in piena crisi internazionale e con l'economia piegata dalla recessione, quasi tutti i comparti del nostro Paese sia pubblici sia privati abbiano 'giocato' con i prodotti d'azzardo. La crescita complessiva dei derivati in Italia (8,21 miliardi) e' legata sopratutto all'aumento di questo tipo di attivita' finanziarie all'interno dei bilanci delle banche, dove risultavano a dicembre 2012 102,2 miliardi rispetto ai 97,45 dell'anno precedente: 4,7 miliardi in piu' in 12 mesi (+4,9%). Unimpresa segnala poi l'impennata (+22,2%) dei derivati nelle amministrazioni locali: nei 12 mesi sotto la lente, le consistenze dei bilanci di comuni, province e regioni sono passate infatti da 982 milioni a 1,2 miliardi, con un aumento di 218 milioni. Quasi raddoppiato (+85,6%) l'ammontare di derivati nelle amministrazioni centrali (Stato), passato da 2,9 miliardi a 5,4 miliardi in crescita di 2,49 miliardi. Lieve incremento per i prodotti speculativi nei bilanci delle imprese: a fine 2012 l'ammontare e' salito di 351 milioni a quota 6,79 miliardi rispetto a 6,44 di dicembre 2011 (+2,5%). Nel comparto assicurativo e dei fondi pensione si e' passati da 4,79 a 5,066 miliardi (+5,5%) in aumento di 265 milioni, mentre il resto degli intermediari finanziari ha registrato una crescita di 142 milioni (+3,4%) da 4,14 miliardi a 4,28 miliardi. ''E' un altro segnale preoccupante che poniamo all'attenzione del Governo guidato da Enrico Letta, alle prese con un rinvio dietro l'altro e con poco coraggio per varare riforme serie, necessarie a portare il Paese fuori dal tunnel della bufera internazionale: mentre la recessione sta facendo morire centinaia di migliaia di imprese e distrugge posti di lavoro, la finanza continua a vivere meglio e piu' di prima. Come sosteniamo da tempo serve una svolta radicale, con uno spostamento delle attivita' finanziarie sulla produzione, sulla piccola imprese, sulla manifattura. E invece assistiamo alla continua espansione della speculazione, guidata dalle grandi banche d'affari internazionali che ormai tengono col cappio al collo l'Italia e buona parte dell'economia mondiale'' commenta il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi. ''Sono i numeri relativi alle banche i piu' eclatanti: mentre gli istituti - osserva Longobardi - tengono chiusi i rubinetti del credito continuano a essere pericolosamente attratti dai guadagni facili e dagli investimenti d'azzardo. La crescita dei derivati in 12 mesi, pari a circa 4 miliardi, non e' probabilmente significativa in valore assoluto, ma e' certamente un dato allarmante da non sottovalutare''. com-fch/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina