domenica 11 dicembre | 03:50
pubblicato il 10/giu/2015 18:23

Crisi, Unicredit: gli investitori esteri ora puntano sull'Italia

A Stati Uniti, Asia e Paesi arabi interessa il "Made in Italy"

Crisi, Unicredit: gli investitori esteri ora puntano sull'Italia

Milano (askanews) - C'è un forte ritorno d'interesse da parte degli investitori internazionali per l'Italia. Lo testimoniano i numeri dell'edizione 2015 dell'Italian Investment Conference, organizzata da Unicredit e Kepler Cheuvreux, alla quale hanno

preso parte oltre 160 investitori internazionali e 50 società italiane quotate alla Borsa di Milano. Le ragioni le ha spiegate ad askanews Gianni Franco Papa, responsabile della divisione Corporate e Investment banking di Unicredit.

"Abbiamo ragioni endogene ed esogene - ha detto - endogene: sicuramente l'attività del governo che ha portato a una serie di riforme molto apprezzate dagli investitori. Esogene: abbiamo la svalutazione dell'euro che favorisce le esportazioni, i tassi d'interesse che sono ai minimi storici e la ripresa dell'economia italiana".

Secondo i dati raccolti da Unicredit, cresce il focus sul mercato e sulle aziende italiani con il fashion, il food, l'arredamento, la biochimica e la farmaceutica che restano tra i settori di mercato che suscitano l'interesse maggiore negli investitori stranieri che puntano molto sulle aziende italiane di medie dimensioni, alle quali viene riconosciuta grande capacità di innovare e alta propensione all'export.

Marco Valli, capo economista di Unicredit per l'Eurozona.

"Possiamo dire - ha spiegato - che l'export è stata la componente del Pil che ha retto meglio negli anni della crisi. Parliamo di aumenti cumulati di circa il 25% negli ultimi 5 anni in un periodo in cui il Pil da solo si è contratto. Poi tra le principali conclusioni annoveriamo il fatto che l'Italia è sfavorita dal punto di vista geografico perché esportiamo principalmente verso i Paesi che hanno una crescita inferiore a quella globale, invece la specializzazione settoriale è quella giusta, cioé c'è domanda per i prodotti che l'Italia produce".

I soggetti interessati all'Italia sono fondi sovrani, private equity, ma anche aziende che vogliono espandere le proprie attività in Europa. E tutto questo porta a stime più che favorevoli sulla crescita del Pil. "Per quest'anno - ha concluso Valli - prevediamo un +0,6% ma dopo i dati del primo trimestre leggermente al di sopra delle attese i rischi di questa stima sembrano essere orientati al rialzo. Poi per l'anno prossimo prevediamo un +1,2% ma anche qui i rischi potrebbero essere orientati al rialzo".

Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina