domenica 04 dicembre | 23:15
pubblicato il 14/set/2013 12:00

Crisi/ Uil: picchia ancora duro, no taglio ammortizzatori sociali

Boom della Cig in deroga è impressionante

Crisi/ Uil: picchia ancora duro, no taglio ammortizzatori sociali

Roma, 14 set. (askanews) - "Se anche in un mese tradizionalmente piu 'tranquillo' (per chiusura estiva e ferie) come Agosto, le ore autorizzate di cassa integrazione superano i 75 milioni, poco sotto il mese di Luglio (- 6,6%), è drammaticamente evidente che la crisi è ancora pesante, diffusa territorialmente e in tutti i settori". Così il segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy. "Certamente scende la cassa Ordinaria poiché molte grandi imprese sospendono la produzione, ma impressiona il salto in avanti della Cassa in deroga che con 38 milioni di ore cresce, in un solo mese del 60,3%", sottolinea il sindacalista. Regioni che vivono la crisi in maniera ancor più drammatica, vedono crescere in un mese le richieste del 228% come la Liguria, del 137 % come la Val d'Aosta, mentre la Puglia, con oltre 10 milioni di ore, cresce dell'86 % in un mese. Tra le Province, questa triste classifica vede in testa Taranto, per drammatici noti motivi, con oltre 8 milioni di ore autorizzate, più del doppio di Milano (4,1 mln di ore). Picchi alti si registrano anche a Brescia ( 3,9 mln.), Bergamo (3,3 mln.), Benevento (2,7 mln .), Roma (2,5 mln.) e Torino (2,1 mln.). (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari