mercoledì 18 gennaio | 09:27
pubblicato il 14/nov/2011 13:54

Crisi/ Ue: Risposte Italia a questionario, aspettiamo missione

Portavoce Rehn: per completare analisi sui dettagli

Crisi/ Ue: Risposte Italia a questionario, aspettiamo missione

Bruxelles, 14 nov. (askanews) - La Commissione europea sta esaminando le risposte che il ministro del Tesoro uscente, Giulio Tremonti, ha inviato sabato scorso al questionario che chiedeva chiarimenti e dettagli sulla 'lettera di intenti' inviata dall'ex premier Berlusconi all'Ue il 26 ottobre scorso. Lo ha ribadito, oggi a Bruxelles, il portavoce del commissario Ue agli Affari economici e monetari Olli Rehn, precisando che questa analisi deve essere compiuta "in gran parte dagli stessi esperti della Commissione che sono attualmente a Roma" nell'ambito della prima missione di monitoraggio inviata in Italia su mandato dell'Eurogruppo (ministri delle Finanze dell'Eurozona). "Sono loro i nostri esperti che devono lavorare su questo, non abbiamo qui altri che possono farlo, non facciamo un doppio lavoro", ha detto il portavoce, Amadeu Altafaj. A un cronista che chiedeva se la missione Ue a Roma stia aspettando di avere ulteriori elementi dalle nuove autorità che si insedieranno con il giuramento del governo Monti, il portavoce ha risposto: "La missione lavora nel quadro del mandato ricevuto dall'Eurogruppo, che chiedeva di fornire chiarimenti dettagliati sulla lettera dell'ex premier Berlusconi, e di seguire l'attuazione degli impegni previste" dalla lettera stessa. Evidentemente, ha proseguito Altafaj, "questo mandato riguardava il governo allora in carica, ora ce ne sarà uno nuovo; ma il primo passo dovrà essere fatto da Roma, non da Bruxelles, nel momento in cui le nuove autorità faranno proprie le misure da predisporre". In altre parole, la missione Ue a Roma è limitata al monitoraggio previsto nel mandato dell'Eurogruppo, che però, ha puntualizzato il portavoce, "è un monitoraggio regolare", e dunque continuerà e si ripeterà nel tempo, anche con la nuova amministrazione. Fra Bruxelles e Roma "ci sono contatti continui, anche se non ancora con i nuovi responsabili politici, che devono ancora giurare, ma con gli esperti (dell'amministrazione italiana, ndr), e sempre nel quadro del mandato dell'Eurogruppo, e non al di là di esso". In ogni caso, ha proseguito Altafaj, "la nostra diagnosi dell'economia italiana non cambia, le riforme strutturali necessarie per l'economia italiana restano sempre quelle, e le previsioni economiche pubblicate dalla Commissione giovedì scorso fanno parte di questa diagnosi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa