giovedì 19 gennaio | 21:01
pubblicato il 29/mag/2013 09:53

Crisi: Ue detta all'Italia l'agenda delle riforme (La Stampa)

(ASCA) - Roma, 29 mag - Bruxelles chiudera' oggi la procedura di infrazione per deficit eccessivo aperta nei confronti dell'Italia nel 2009. Un passo avanti frutto del ritorno del deficit pubblico sotto la soglia del 3% del Pil.

Il Belpaese ha archiviato il 2012 al 2,9%. Ma l'Unione Europea snocciolera' anche le raccomandazioni che Roma dovra' seguire per mantenere l'equilibrio nei conti pubblici e recuperare competitivita'. Secondo quanto scrive il quotidiano La Stampa, per Bruxelles occorre ''riformare il catasto, moltiplicare gli asili nido e il tempo pieno per facilitare l'ingresso nel mondo del lavoro di chi ha una famiglia, rivedere le esenzioni Iva, rendere piu' trasparenti i bilanci bancari e la governance del credito, flessibilizzare il mercato occupazionale, spostare, a saldi invariati, il gettito fiscale dal lavoro alle proprieta' e ai consumi''.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale