venerdì 02 dicembre | 19:22
pubblicato il 29/mag/2013 09:53

Crisi: Ue detta all'Italia l'agenda delle riforme (La Stampa)

(ASCA) - Roma, 29 mag - Bruxelles chiudera' oggi la procedura di infrazione per deficit eccessivo aperta nei confronti dell'Italia nel 2009. Un passo avanti frutto del ritorno del deficit pubblico sotto la soglia del 3% del Pil.

Il Belpaese ha archiviato il 2012 al 2,9%. Ma l'Unione Europea snocciolera' anche le raccomandazioni che Roma dovra' seguire per mantenere l'equilibrio nei conti pubblici e recuperare competitivita'. Secondo quanto scrive il quotidiano La Stampa, per Bruxelles occorre ''riformare il catasto, moltiplicare gli asili nido e il tempo pieno per facilitare l'ingresso nel mondo del lavoro di chi ha una famiglia, rivedere le esenzioni Iva, rendere piu' trasparenti i bilanci bancari e la governance del credito, flessibilizzare il mercato occupazionale, spostare, a saldi invariati, il gettito fiscale dal lavoro alle proprieta' e ai consumi''.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari