martedì 24 gennaio | 16:43
pubblicato il 03/mag/2013 12:02

Crisi: Ue, deficit/Pil Italia al 2,9%. Scendera' al 2,5% nel 2014

Crisi: Ue, deficit/Pil Italia al 2,9%. Scendera' al 2,5% nel 2014

(ASCA) - Bruxelles, 3 mag - Il deficit italiano restera' al di sotto del 3% del Pil nei prossimi due anni, con una diminuzione nel corso del 2014. Lo rilevano le previsioni economiche di primavera della Commissione europea, diffuse oggi a Bruxelles. In base alle stime, nel 2013 il rapporto deficit/Pil e' previsto ''in declino marginale'', al 2,9%. Queste previsioni, sottolinea il documento, ''considera la decisione del governo di risolvere la questione dei debiti arretrati'', vale a dire il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione con le imprese. Un provvedimento, sottolinea lo studio, ''che implica investimenti addizionali pari a circa lo 0,5% di Pil solo quest'anno''. Per la Commissione europea nel 2014 la ripresa economica dovrebbe portare a ''una riduzione del deficit al 2,5% del Pil''. Per quanto riguarda il Pil, la Commissione stima per l'Italia una contrazione di un ulteriore 1,3% nel 2013 ''per via della persistente incertezza e le continue difficolta' di accesso al credito'', ma registrera' un'espansione dello 0,7% nel 2014. l problema piu' grande rimane tuttavia la disoccupazione, che nel nostro paese continuera' a crescere, sfondando la soglia del 12% nel 2014. Il tasso di disoccupazione del 2012, al 10,7%, non conoscera' inversioni. Al contrario salira' all'11,8% quest'anno e arrivera' al 12,2% nel 2014. Nel prossimo anno, comunque, ''e' prevista una stabilizzazione'' del fenomeno, sostiene lo studio. Rehn: con riforme Italia verso uscita da procedura deficit. L'Italia ha i numeri per uscire dalla procedura per deficit eccessivo, ma potra' riuscirvi solo ''a patto che mantenga la rotta della sostenibilita' del bilancio'' e che ''in parallelo attui profonde riforme strutturali''. Lo afferma il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn, nel corso della presentazione delle previsioni economiche di primavera. Il nostro paese, spiega Rehn, ha ridotto il deficit da circa il 4% al 3% del Pil, e quest'anno dovrebbe restare sotto il 3%''. ''Cio' potrebbe agevolare l'uscita dell'Italia dalla procedura per deficit eccessivo''. Il nostro paese, evidenzia ancora Rehn, ''e' vicino all'obiettivo di medio termine di pareggio di bilancio, e questo e' molto importante per un paese con un debito pubblico come quello italiano''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4