sabato 25 febbraio | 01:48
pubblicato il 03/mag/2013 12:02

Crisi: Ue, deficit/Pil Italia al 2,9%. Scendera' al 2,5% nel 2014

Crisi: Ue, deficit/Pil Italia al 2,9%. Scendera' al 2,5% nel 2014

(ASCA) - Bruxelles, 3 mag - Il deficit italiano restera' al di sotto del 3% del Pil nei prossimi due anni, con una diminuzione nel corso del 2014. Lo rilevano le previsioni economiche di primavera della Commissione europea, diffuse oggi a Bruxelles. In base alle stime, nel 2013 il rapporto deficit/Pil e' previsto ''in declino marginale'', al 2,9%. Queste previsioni, sottolinea il documento, ''considera la decisione del governo di risolvere la questione dei debiti arretrati'', vale a dire il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione con le imprese. Un provvedimento, sottolinea lo studio, ''che implica investimenti addizionali pari a circa lo 0,5% di Pil solo quest'anno''. Per la Commissione europea nel 2014 la ripresa economica dovrebbe portare a ''una riduzione del deficit al 2,5% del Pil''. Per quanto riguarda il Pil, la Commissione stima per l'Italia una contrazione di un ulteriore 1,3% nel 2013 ''per via della persistente incertezza e le continue difficolta' di accesso al credito'', ma registrera' un'espansione dello 0,7% nel 2014. l problema piu' grande rimane tuttavia la disoccupazione, che nel nostro paese continuera' a crescere, sfondando la soglia del 12% nel 2014. Il tasso di disoccupazione del 2012, al 10,7%, non conoscera' inversioni. Al contrario salira' all'11,8% quest'anno e arrivera' al 12,2% nel 2014. Nel prossimo anno, comunque, ''e' prevista una stabilizzazione'' del fenomeno, sostiene lo studio. Rehn: con riforme Italia verso uscita da procedura deficit. L'Italia ha i numeri per uscire dalla procedura per deficit eccessivo, ma potra' riuscirvi solo ''a patto che mantenga la rotta della sostenibilita' del bilancio'' e che ''in parallelo attui profonde riforme strutturali''. Lo afferma il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn, nel corso della presentazione delle previsioni economiche di primavera. Il nostro paese, spiega Rehn, ha ridotto il deficit da circa il 4% al 3% del Pil, e quest'anno dovrebbe restare sotto il 3%''. ''Cio' potrebbe agevolare l'uscita dell'Italia dalla procedura per deficit eccessivo''. Il nostro paese, evidenzia ancora Rehn, ''e' vicino all'obiettivo di medio termine di pareggio di bilancio, e questo e' molto importante per un paese con un debito pubblico come quello italiano''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech