venerdì 20 gennaio | 07:41
pubblicato il 18/lug/2011 18:05

Crisi/ Tensione su Europa,forti pressioni su titoli Stato Italia

Ma settimana inizia male anche per gli Usa. Milano -3,06%

Crisi/ Tensione su Europa,forti pressioni su titoli Stato Italia

Roma, 18 lug. (askanews) - Inizia male per tutti la settimana sui mercati. Per l'Italia, che se sperava in qualche premio per l'approvazione in tempi da record della manovra sui conti pubblici ha ricevuto come risposta una nuova ondata di vendite su titoli di Stato e Borsa, tanto da spedire a nuovi massimi i rendimenti dei Btp decennali e facendo crollare di oltre il 3 per cento gli indici di Milano. E' iniziata male in generale per tutta l'Europa, che lungi dall'esser riuscita a rassicurare con l'ultima tornata di stress test sulle banche - simulazioni di resistenza che dovevano servire a certificarne la solidità - ha invece assistito ad una nuova ondata di debolezze, spesso concentrate proprio nel settore bancario mentre continuano ad incombere incognite su quello che resta l'epicentro della sua crisi debitoria, la piccola Grecia. Sono calate nuovamente con forza tutte le piazze europee, tra continue tensioni sui rischi di debito, mentre si teme che da Atene - oggi peraltro paralizzata da uno sciopero dei tassisti - la crisi debitoria finisca per contagiare altri paesi. Londra ha chiuso con un meno 1,55 per cento, Parigi al meno 2,04 per cento, Francoforte meno 1,55 per cento. A Milano il Footsie-Mib ha lasciato sul terreno il 3,06 per cento, mentre le tensioni sui rischi di debito si sono fatte ancora sentire in termini di aumenti dei rendimenti richiesti alle emissioni italiane già scambiate sul mercato: oggi sui Btp decennali i tassi retributivi sono tornati sopra la soglia psicologica del 6 per cento, fino al 6,03 per cento. Questo ha portato a nuovi ampliamenti del differenziale (spread) di rendimento rispetto ai titoli equivalenti della Germania, i Bund che fanno da riferimento per tutte le emissioni pubbliche nell'area euro. Lo spread Btp-Bund è risalito fino a 337 punti base: materialmente significa che per trovare acquirenti disposti ad assumersene il rischio, le emissioni italiane già in circolazione devono offrire un rendimento di 3,37 punti percentuali superiori alle tedesche. Su questo tipo di titoli i rendimenti risultano da un rapporto inversamente proporzionale con il prezzo: se questo cala, magari depresso da vendite, i rendimenti aumentano. Ad accentuare questi movimenti anche i ridotti volumi che spesso si registrano sui mercati in questi giorni. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale