venerdì 24 febbraio | 20:59
pubblicato il 02/dic/2011 05:10

Crisi/ Tappe forzate per il governo Monti sul pacchetto economico

E' ancora massimo riserbo sulle misure, ma è stato convocato per domenica il tavolo con regioni e Parti sociali

Crisi/ Tappe forzate per il governo Monti sul pacchetto economico

Roma, 2 dic. (askanews) - Tappe forzate per l'esecutivo Monti al lavoro sulla manovra di correzione dei conti e le riforme per la crescita che approderanno lunedì sul tavolo del Consiglio dei ministri per l'approvazione: gli uffici sono stati allertati a lavorare tutto il fine settimana. Per domenica, inoltre, è stato convocato il tavolo fra governo- Regioni, Province e Comuni mentre si attende la data del confronto con le parti sociali. Si ragiona su una correzione pari a 20 miliardi comprensivi dei 4 della delega fiscale ma la cifra è variabile e dipende dall'andamento del ciclo economico. Al momento, tuttavia, sulle misure e sui numeri c'è il massimo riserbo, il presidente del Consiglio ha infatti accentrato a palazzo Chigi tutto il lavoro tecnico. Disponibilità al dialogo coi sindati sul tema pensioni è arrivata dal ministro del Lavoro Elsa Fornero, che da Bruxelles ha confermato che nel pacchetto di lunedì ci sarà l'introduzione del regime contributivo pro-rata per tutti e l'accelerazione dell'adeguamento della pensione di vecchiaia delle donne nel settore privato. L'ultima modifica introdotta nella manovra estiva prevede che l'adeguamento progressivo della pensione di vecchiaia delle donne a 65 anni scatti nel privato a partire dal 2014 fino al 2026. Fra le ipotesi ci sarebbe quella di anticipare l'avvio al 2012 per arrivare a 65 anni nel 2016, al massimo nel 2020. Ancora incerto il superamento dei pensionamenti di anzianità con il solo canale contributivo dei 40 anni. Tra le altre novità, la proposta del ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera di offrire alle imprese Btp o Bot per pagare i debiti pregressi che queste vantano nei confronti delle imprese (circa 90 miliardi). Una soluzione accolta con favore da Confindustria e Confcommercio. Resta da vedere quanto Monti scoprirà le carte negli incontri precedenti al Cdm di lunedì: un sottosegretario spiegava che la pratica degli incontri bilaterali permette al presidente del Consiglio di comportarsi con maggiore o minore riservatezza a seconda dell'interlocutore che si trova di fronte. La stella polare rimane una: evitare che i colloqui producano fughe di notizie e aprano un mercanteggiamento preventivo tra partiti e sindacati.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Mediaset
Mediaset, Vivendi: esposto infondato dei Berlusconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech