domenica 11 dicembre | 03:21
pubblicato il 07/giu/2013 10:02

Crisi: Tajani, turismo e infrastrutture per far ripartire l'Italia

Crisi: Tajani, turismo e infrastrutture per far ripartire l'Italia

(ASCA) - Roma, 7 giu - Puntare su turismo e infrastrutture per far ripartire l'Italia: e' il monito lanciato oggi dal vice presidente della Commissione Ue, responsabile per l'Industria e l'Imprenditoria, Antonio Tajani, durante un convegno all'aeroporto di Comiso inaugurato la scorso settimana.

Parlando dal prossimo scalo siciliano, il quarto in regione, dopo Palermo, Catania e Trapani, Tajani ha dunque ricordato come sia stato il meridione a subire i ''contraccolpi piu' pesanti'' della crisi, con ''un giovane su due'' senza un lavoro e ''sei punti di Pil persi negli ultimi 5 anni''. ''Se a livello nazionale nel 2012 sono venuti meno 44 miliardi di finanziamenti alle imprese italiane, il credit crunch al Sud - ha proseguito il commissario - ha avuto effetti a dir poco disastrosi''.

Un ''declino industriale'' al quale ''l'Europa deve opporsi con forza'', poiche' ad oggi ''ha eroso competitivita' e occupazione''. Per questo, ha aggiunto Tajani, il nuovo aeroporto di Comiso rappresenta ''un'infrastruttura da valorizzare'' e attraverso cui ''attuare un 'piano crescitap per il Sud in una dimensione europea''. La ricetta del vice presidente prevede ''un migliore utilizzo dei fondi strutturali. In Sicilia - ha ricordato - il rinascimento industriale significa un'industria del turismo moderna, infrastrutture adeguate, tutela del territorio e dei beni artistici e, sinergia con agroalimentare, logistica, tessile o artigianato''.

Secondo Tajani ''la vera sfida e' intercettare la crescente domanda dal nuovo ceto medio in Brasile, India, Cina o Russia. Per questo serve anche per la Sicilia maggiore capacita' strategica e innovazione''.

Poi, evidenziando la ''nuova strategia europea del turismo adottata nel 2010'', Tajani ha ribadito l'importanza di ''5 priorita''', come ''facilitazione dei visti, destagionalizzazione, qualita', promozione e formazione''. Quanto servirebbe alla Sicilia affinche' possa tornare ad essere leader del meridione e rilanciare la crescita in tutto il territorio.

rba/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina