martedì 24 gennaio | 21:19
pubblicato il 09/gen/2013 12:58

Crisi: Svimez, 257 euro al mese a famiglia nel 2011 per interessi debito

(ASCA) - Roma, 9 gen - Per far fronte agli interessi del debito nel 2011 ogni famiglia italiana ha pagato in media 257 euro ogni mese, l'11% in piu' rispetto all'anno precedente (232 euro). Per evitare che da qui al 2015 la situazione del debito pubblico nazionale sia insostenibile occorre introdurre nel bilancio dello Stato meccanismi che permettano di coprire con entrate correnti sia gli interessi sul debito che le quote di capitale, (meccanismo gia' in vigore nelle famiglie e negli enti locali), evitando cosi' di continuare a pagare il debito con altro debito.

E' quanto emerge dallo studio ''Debito, Mezzogiorno e sviluppo'' di Federico Pica e Salvatore Villani pubblicato sull'ultimo numero in uscita in questi giorni della Rivista Economica del Mezzogiorno, trimestrale della SVIMEZ diretto da Riccardo Padovani. Lo studio, condotto su dati Banca d'Italia, ha preso in esame varie ipotesi sulla base dei dati disponibili sul debito e l'andamento dei prezzi giungendo alla conclusione che senza l'introduzione di meccanismi finanziari correttivi entro il 2015 la prognosi del Paese e' il declino.

In base a valutazioni SVIMEZ su dati Banca d'Italia il debito della PA in Italia nel 2011 e' salito a 75.130 euro a famiglia, con una crescita del 2% rispetto all'anno precedente (73.560 euro). Dal 2007 al 2010 il debito e' cresciuto dell'11,5%, pari al 3,8% annuo. Per far fronte agli interessi nel 2011 ogni famiglia italiana ha pagato in media 257 euro ogni mese a fronte dei 232 del 2010 (+11%). In crescita anche gli interessi erogati dai Comuni, passati dagli 8,5 agli 8,9 euro al mese. La situazione peggiora ancora di piu' negli ultimi anni: nel 2011 rispetto al 2010 il debito e' cresciuto del 3%, il Pil dell'1,7%. Poiche' la ricchezza prodotta e' cresciuta meno rispetto al debito, la percentuale degli interessi sulle imposte pagate dalle famiglie e dalle imprese e' salita dal 16 al 17,4%.

Lo studio ha preso in esame quattro ipotesi di studio:1) in caso di indebitamento nullo, 2) di rapporto debito-Pil costante nel tempo, 3) di fissazione di un limite all'indebitamento (ad es. pari al 3% del Pil), 4) di riduzione di una certa percentuale del debito.

Nel primo caso, supponendo il pareggio di bilancio oppure l'indebitamento nullo, si conclude che ''una prognosi di ristagno per l'economia del Paese e' piu' grave per le imprese e le famiglie del Mezzogiorno rispetto al resto d'Italia'' (indicatore R per il Mezzogiorno e' -1,47% rispetto a -0,97% per la media nazionale). Variando i parametri, non cambia la sostanza: nel secondo caso, l'indicatore R per il Mezzogiorno e' -1,54% rispetto a -1,05% per la media nazionale. Supponendo invece che il debito cresca al massimo del 3% del Pil, i valori corrispondenti saranno -1,37% per l'Italia e -1,88% per il Mezzogiorno.

Infine, ipotizzando che il debito si riduca di una percentuale fissa, l'indicatore dei redditi italiani e' -1,13%, mentre per il Mezzogiorno e' -1,69%.

Il debito sottrae ai contribuenti un ammontare di risorse che sarebbero state destinate a consumi, risparmi e investimenti, cioe' alla crescita della ricchezza prodotta, da cui dipende anche la sostenibilita' del debito stesso.

Occorre, si legge nello studio, introdurre forme del debito meno legate a meccanismi di conversione dei titoli. Per la Svimez serve urgentemente una riforma fiscale appropriata che faccia crescere il Pil in maggiore misura rispetto ai prezzi, e politiche di bilancio che incidano sulle modalita' di gestione del debito.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Generali
Generali, il mercato scommette sulla scalata di Intesa Sanpaolo
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4