domenica 22 gennaio | 00:45
pubblicato il 27/mag/2013 12:00

Crisi/ Squinzi: Siamo in credit crunch, P.A. paghi propri debiti

E' la prima richiesta che dobbiamo fare con forza

Crisi/ Squinzi: Siamo in credit crunch, P.A. paghi propri debiti

Busto Arsizio (Va), 27 mag. (askanews) - "La prima cosa da fare per alleviare la situazione di scarsità di credito alle imprese è che la P.A. metta mano al portafoglio e paghi i propri debiti". Lo ha detto il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, secondo cui "siamo in una situazione di credit crunch molto preciso e molto specifico per le imprese" e "bisogna ricordare che questi debiti non sono sovvenzioni: sono servizi, prodotti, forniture fatte allo Stato che lo Stato deve pagare". Squinzi, che ha parlato all'assemblea degli industriali di Varese, ha affermato che le "cifre che circolano" sul debito della Pubblica amministrazione nei confronti delle imprese di "130/140 mld sono molto vicine alla realtà". "E' la prima richiesta che dobbiamo fare con forza", anche perché "uno Stato che non paga i propri debiti non è uno Stato civile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4