venerdì 09 dicembre | 22:24
pubblicato il 04/ott/2012 12:08

Crisi/ Squinzi: Scenario resta difficile, ora cambiare passo

Dobbiamo puntare ad un ritmo di crescita di almeno il 2% annuo

Crisi/ Squinzi: Scenario resta difficile, ora cambiare passo

Roma, 4 ott. (askanews) - Per l'economia italiana lo scenario futuro resta difficile, e per questo, ora, è necessaria una svolta. A chiederlo è il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, intervenendo all'assemblea di Confitarma. "La crisi ci ha spinto in una fase recessiva - ha avvertito Squinzi - dalla quale fatichiamo ad uscire. I dati ci dicono che lo scenario per il futuro resta difficile, molto difficile". Ecco perchè "serve una svolta, dobbiamo agire", è l'appello lanciato dal leader degli industriali. Ora "è arrivato il momento di cambiare il passo in maniera decisa. Credo che l'Italia - ha assicurato Squinzi - abbia le potenzialità per tornare a crescere. Possiamo, anzi dobbiamo, essere ambiziosi e puntare ad un ritmo di crescita robusto, almeno il 2% annuo: è un traguardo difficile - ha concluso - ma non impossibile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina