giovedì 23 febbraio | 08:00
pubblicato il 04/ott/2012 12:08

Crisi/ Squinzi: Scenario resta difficile, ora cambiare passo

Dobbiamo puntare ad un ritmo di crescita di almeno il 2% annuo

Crisi/ Squinzi: Scenario resta difficile, ora cambiare passo

Roma, 4 ott. (askanews) - Per l'economia italiana lo scenario futuro resta difficile, e per questo, ora, è necessaria una svolta. A chiederlo è il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, intervenendo all'assemblea di Confitarma. "La crisi ci ha spinto in una fase recessiva - ha avvertito Squinzi - dalla quale fatichiamo ad uscire. I dati ci dicono che lo scenario per il futuro resta difficile, molto difficile". Ecco perchè "serve una svolta, dobbiamo agire", è l'appello lanciato dal leader degli industriali. Ora "è arrivato il momento di cambiare il passo in maniera decisa. Credo che l'Italia - ha assicurato Squinzi - abbia le potenzialità per tornare a crescere. Possiamo, anzi dobbiamo, essere ambiziosi e puntare ad un ritmo di crescita robusto, almeno il 2% annuo: è un traguardo difficile - ha concluso - ma non impossibile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech