domenica 04 dicembre | 05:39
pubblicato il 19/set/2013 18:37

Crisi: Squinzi, per restare in serie A non bastano misure tampone

(ASCA) - Roma, 19 set - ''La crisi ci obbliga a ripensare il nostro sistema produttivo se vogliamo rimanere in serie A. Ci sono otre 150 casi di crisi aziendali: non possiamo pensare di risolverli solo ricorrendo a misure tampone''. Lo afferma il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, intervenendo nel corso della presentazione di un libro in Senato.

Per Squinzi, ''dobbiamo uscire da questa visione miope che ci ha portato a considerare le politiche attive per il lavoro come un di piu' o una concessione, tanto da farne un serbatoio cui attingere indiscriminatamente quando mancano le risorse''.

Il leader degli industriali definisce la formazione come ''uno strumento essenziale per garantire la competitivita' delle imprese''. Per questo motivo, tagliare fondi alla formazione ''e' come tagliare il ramo su cui siamo seduti''.

drc/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari