sabato 03 dicembre | 21:11
pubblicato il 09/lug/2013 14:13

Crisi: Squinzi, meno incentivi e piu' misure su crescita e fisco

Crisi: Squinzi, meno incentivi e piu' misure su crescita e fisco

(ASCA) - Roma, 9 lug - Le imprese italiane non vogliono dipendere dagli incentivi, che non sono utili neppure per l'occupazione giovanile, ma chiedono misure per la crescita e il taglio del cuneo fiscale. Lo ha ribadito il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, nel corso di un'audizione alla Camera.

''Non vorremmmo dipendere dagli incentivi, vorremmo partire da misure per rilanciare la crecita'' ha detto Squinzi secondo il quale e' necessario ''puntare sull'alleggerimento della pressione fiscale'' ed in particolare su ''un intervento forte sul costo lavoro di defiscalizzazione e di decontribuzione per recuperare i 10 punti di competitivita' persi rispetto agli altri Paesi Ue'' insieme al pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari