sabato 03 dicembre | 12:53
pubblicato il 18/nov/2014 17:15

Crisi, Squinzi: l'industria italiana è malata

"Viviamo tutti una fase di grande preoccupazione"

Crisi, Squinzi: l'industria italiana è malata

Roma, (askanews) - "L'Italia rimane la seconda manifattura europea e una delle prime dieci del mondo. Il suo contributo al Pil nazionale diretto è di circa il 17%, il doppio se si considerano i servizi collegati. Circa 8 milioni di italiani vivono di industria. Tuttavia l'industria italiana è malata. I suoi mali sono antichi e si sono via via aggravati nell'allargarsi della competizione globale. Il modello di specializzazione tradizionale, una produttività cresciuta troppo poco, scarso livello di digitalizzazione, scarsa integrazione con i servizi, livelli di conoscenza della manodopera insufficienti".

"Oggi viviamo tutti una fase di grande preoccupazione e per troppo tempo abbiamo trasmesso ai più giovani un senso di abbandono e sfiducia. Voi siete un'iniezione di fiducia e ottimismo. Voi sarete chiamati a ridare al Paese il peso che merita. Su di voi bisogna contare e a voi bisogna dare fiducia e spazio".

Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari