sabato 03 dicembre | 08:13
pubblicato il 16/dic/2013 17:57

Crisi: Squinzi, difficile essere ottimisti speriamo spinte per ripresa

(ASCA) - Assisi (Pg), 16 dic - ''In queste condizioni trovo difficile essere ottimisti, siamo probabilmente sul fondo e ci auguriamo che nei prossimi mesi anche trascinati da un miglioramento delle condizioni economiche internazionali si possa vedere qualcosina in piu', pero' la responsabilita' e' nostra, di noi italiani e del nostra Paese. Se non facciamo le riforme non creiamo le condizioni per ritrovare la crescita''. Cosi' Giorgio Squinzi, Presidente di Confindustria, a margine dell'assemblea di Confindustria Umbria, oggi ad Assisi. Il presidente di Confindustria, rispondendo ai giornalisti ha comunque aggiunto: ''Non farei l'imprenditore se non fossi ottimista. I dati economici non ci possono confortare molto, e' vero che nell'ultimo mese non siamo piu' in calo come Pil ma significa che siamo sul fondo'' ed ancora ''abbiamo segnali sicuramente non positivi, pero' speriamo sempre che nella fase finale prevalga il buon senso e si veda qualche cosa che spinga nella direzione della ripresa''.

pg/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari